ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Buona notte.

Stimato presidente François Hollande;

Distinti membri della delegazione francese;

Rappresentanti dei media della stampa:

Prima di tutto permettetemi d’inviare un cordiale e affettuoso saluto al popolo francese e alle sue autorità a nome del popolo e del Governo cubani.

I nostri paesi sono uniti da vincoli storici e culturali e da profondi legami d’amicizia.

Ringrazio molto sinceramente per le parole che ha pronunciato il presidente Hollande, così come per la calorosa accoglienza offerta alla delegazione cubana.

Abbiamo appena concluso le conversazioni ufficiali con il presidente François Hollande. Questo scambio, come nel maggio scorso a L’Avana è avvenuto in un clima cordiale e di mutuo rispetto che caratterizza le nostre relazioni bilaterali.

Questa è la prima visita di Stato di un presidente cubano in Francia e in un paese membro dell’Unione Europea.

Riafferma l’eccellente stato delle nostre relazioni e riflette la volontà condivisa di consolidare il dialogo politico al più alto livello.

Abbiamo realizzato conversazioni fruttifere su diversi temi che formano l’agenda bilaterale, dando continuità agli obiettivi e agli accordi firmati nella storica visita del Presidente Hollande a Cuba nel maggio scorso, la prima di un mandatario francese nel nostro paese.

Ratifichiamo la volontà d’ampliare e differenziare le relazioni bilaterali con la Francia in tutte le loro dimensioni: politica, economico commerciale, finanziaria e di cooperazione accademica e culturale.

Abbiamo firmato un’agenda economica bilaterale che rappresenta un’importante meccanismo congiunto per la proiezione, la continuità e la promozione dei vincoli economico – commerciali, di cooperazione e investimento, includendo tempi medi e lunghi.

Ugualmente va segnalata la firma dell’accordo bilaterale sul debito di Cuba con la Francia, con il quale si creano condizioni più favorevoli per lo sviluppo delle relazioni finanziarie e per l’esecuzione di nuovi piani e progetti congiunti.

Com’è noto, lo scorso 12 dicembre Cuba è giunta ad un importante accordo con i paesi creditori che formano il Gruppo ad hoc del Club di Parigi.

Reiteriamo un ringraziamento al Governo francese per il suo ruolo significativo e la posizione costruttiva per ottenere questo importante risultato che apre una nuova tappa nelle relazioni economiche, commerciali e finanziarie di Cuba con questi paesi e faciliterà l’accesso a finanziamenti a medio e lungo tempo, molto necessari per l’esecuzione degli investimenti previsti nei nostri piani di sviluppo.

Riconosciamo e diamo il benvenuto alla volontà espressa dalle autorità francesi di accompagnarci in forma più attiva nei piani di sviluppo economico e sociale.

Ugualmente ringraziamo la guida della Francia per lo stimolo della costruzione di una nuova tappa nelle relazioni tra l’Unione Europea e Cuba sulla base di rispetto e reciprocità e in particolare per ciò che riguarda il negoziato dell’accordo di dialogo politico e di cooperazione, un processo in corso dall’aprile del 2014, che si trova in una fase molto avanzata.

Apprezziamo la tradizionale posizione francese a favore dell’eliminazione del blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti contro Cuba, che è il principale ostacolo allo sviluppo del nostro paese e alle relazioni economico commerciali.

Solo due mesi fa questa città è stata lo scenario dello storico Accordo di Parigi, risultato di un arduo processo di negoziati nella 21ª Conferenza delle Parti della convenzione cornice sul cambio climatico. Esprimiamo le nostre felicitazioni alla Francia e alle sue autorità per l’organizzazione di questo evento e per il suo importante contributo che ha permesso di giungere ad un accordo bilanciato accettabile per tutte le parti.

Il prossimo mese di maggio, frutto dello sforzo e dell’interesse per incrementare la conoscenza reciproca, si realizzerà per la prima volta un mese della cultura cubana in Francia e della cultura francese in Cuba.

Abbiamo reiterato al Governo francese la disposizione e l’impegno con la continuità di questa solida relazione.

La Francia è stata, è e sarà un importante socio per Cuba.

Siamo due Stati con realtà storiche, culturali, geografiche e sistemi politici differenti. Senza dubbio la relazione amichevole, produttiva e rispettosa che manteniamo dimostra che è possibile proporci mete e progetti comuni che aiutino lo sviluppo delle nostre rispettive nazioni e di tutta l’umanità.

Per concludere, reitero il mio saluto affettuoso a questa maestosa e ospitale città che mi onoro di visitare e il mio sincero ringraziamento al presidente Hollande por la calda accoglienza che ci ha offerto.

Molte grazie. (Applausi)

(Versione stenografica dl Consiglio di Stato - Traduzione Gioia Minuti)