ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Díaz-Canel iniziativa Cuba. Photo: Estudio Revolución

LONDRA.- Il Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha sostenuto uno scambio con l’entità Iniziativa Cuba, nell’interesse del Governo cubano di continuare a rinforzare e differenziare le relazioni economico - commerciali e di cooperazione, sviluppo e investimento del nostro paese, la mattina di ieri, martedì 13.
Circa mezzo centinaio di compagnie formano questo programma nato nel 1995, frutto dell’amiciza tra la baronessa Lady John e il leader storico della Rivoluzione cubana Fidel Castro Ruz, per stabilire  un dialogo costruttivo tra il Regno Unito e Cuba.
Dopo l’obiettivo di creare un cronogramma di lavoro per promuovere le relazioni bilaterali, questa entità è servita come spazio attraverso i quale si identificano opportunità per intensificare reciprocamente il commercio e in questo modo fomentare gli affari tra le due nazioni.
«Vogliamo vedere un rilancio di Iniziativa Cuba, iniettare di nuovo energia», ha assicurato  David Maxim Triesman, co-presidente dell’entità. «E sono impegnato al cento per cento con questo proposito»,  ha aggiunto.

Photo: Estudio Revolución

Poi ha espresso l’interesse  di organizzare un incontro  a L’Avana  nel prossimo anno,  fatto accolto con beneplacito  dalla delegazione cubana.
Il Presidente Díaz-Canel ha ricordato com’è sorta Iniziativa Cuba, che è come indica il suo nome giustamente «un’iniziativa che ha marcato l’inizio di una relazione distinta, più forte e più vicina delle imprese e dei settori come, educazione, cultura e sport con il Governo e le istituzioni cubane».
«Ha il merito d’avere aperto un cammino, ha valutato, costruendo un ponte per la cooperazione, la collaborazione ed ha lasciato un legato che nessuno può negare». Per questo l’importanza di sostenere questo incontro come parte della sua visita di transito in questo paese.
Inoltre ha ringraziato per «la comprensione e lo sforzo che è stato realizzato in questi anni per stare con Cuba». Esistono tutte le basi e le possibilità per andare ad una nuova tappa nella quale lavoreremo con maggior forza per realizzare relazioni più profonde», ha commentato il Capo di Stato Cubano.

Photo: Estudio Revolución

Durante la riunione, definita da Díaz-Canel eccellente, sono state risaltate anche le buone relazioni che a livello politico, economico e commerciale ci uniscono al Regno Unito e questa visita costituisce un esempio.
Inoltre è stata dedicata una apeciale attenzione all’analisi di differenti progetti che attualmente si sviluppano con Iniziativa Cuba per identificare meglio i benefici e i risultati e anche quei problemi che esistono e le maniere per trovare soluzioni.
In questo contesto, Díaz-Canel ha condiviso d’incrementare la presenza di investitori britannici in aree come il turismo, l’energia e l’industria bioteconologica e farmaceutica, tra le altre.
Nela riunione d martedì è stato sottolineato che la volontà di approfondire le relazioni economiche bilaterali e di cooperazione che ci legano è un grande  impegno, ma che esistono potenzialità  e interessi comuni per questo.

 NEL PARLAMENTO DI WESTMINTER

Il Presidente cubano dopo mezzogiorno ha continuato le sue attività nel Parlamento di Westminter, dove ha incontrato  la baronessa Ángela Smith de Brasildone e un gruppo di parlamentari britannici, tra i quali  Karen Lee, coordinatrice del Gruppo Multipartitico per Cuba nel Parlamento Wesminster.
Hanno partecipato anche leaders delle due camere del Parlamento britannico  e parte della delegazione cubana che ha accompagnato il Presidente  cubano nel suo giro internazionale.

Photo: Estudio Revolución

Erano presenti i membri della Campagna di Solidarietà con Cuba che hanno fatto tanto per solidificare il cammino della solidarietà con l’Isola dei Caraibi.
 Díaz-Canel ha espresso i suoi sentimenti di gratitudine per l’appoggio offerto durante la campagna di liberazione dei Cinque combattenti  antiterroristi ingiustamente reclusi nelle prigioni statunitensi e contro il blocco economico- commerciale e finanziario imposto dal Governo degli Stati Uniti all’Isola, una politica che il Governo del Regno Unito non approva e che danneggia seriamente gli affari tra i nostri paesi.
Nella giornata di lavoro ha anche parlato con parlamentari della Camera dei Lords, soprattutto di temi culturali, sportivi e dell’educazione.
«Il blocco non può impedire gli scambi in questi settori», ha detto Díaz-Canel ed ha proposto loro di  «tendere ponti» che permettano relazioni nei due sensi.
Al calore di queste riflessione sono sorte nuove proposte su future possibilità di scambi. Resta la certezza che nemmeno l’ingiusto blocco economico, commerciale e finanziario imposto all’Isola dal Governo nordamericano potrà impedire questo tipo d’avvicinamento.
Poi si è svolto un cordiale incontro con  Jeremy Corbyn, leader del Partito Laburista. Le due parti hanno analizzato le relazioni che esistono tra il Partito Laburista e il Partito Comunista di Cuba, ed hanno constatato il buono stato delle relazioni bilaterali tra Cuba e il Regno Unito.


CON BUONI AMICI

Con  i membri della  Campagna di solidarietà con Cuba e i rappresentanti sindacali, «cari amici di Cuba», come li ha chiamati la notte di questo martedì l’ ambasciatrice cubana nel Regno Unito, Teresita Vicente Sotolongo, si è svolto l’incontro finale della giornata di attività del  Presidente cubano.
Díaz Canel ha strascorso con loro momenti speciali.

Photo: Estudio Revolución

«Non potevo partire da qui senza incontrarvi», ha assicurato. Voi avete realizzato una campagna d’appoggio permanente di solidarietà per Cuba ed anche con alcuni rappresentanti della comunità cubana a Londra, e per questo er a imprescindibile vedervi per ringraziarvi personalmente», ha commentato.
Ha condiviso con loro alcune riflessioni su quanto ha vissuto la delegazione cubana  in queste ore a Londra, ed ha affermato che i due governi hanno valutato insieme il buono stato delle relazioni.
Ha poi ricordato la  storica visita  realizzata nell’aprile del 2016 a Cuba dal Segretario di Stato ai Temi Esteri e la Mancomunità, che  «costituì la prima nella quale un cancelliere del Regno Unito visitava a Cuba dopo il trionfo della Rivoluzione» e diede un nuovo impulso ai vincoli bilaterali.
«Siamo venuti a ratificare al Governo britannico che faremo ogni sforzo per far sì che queste relazioni continuino ad ampliarsi e a crescere consolidandosi,  moltiplicandosi e che alla fine si otterranno i migliori risultati nell’ordine economico e sociale».
«E se questo è possibile, ha aggiunto- lo è in gran parte perche c’è una base nel cammino transitato da queste relazioni in cui sono prioritari il rispetto e la Cooperazione».
Poi ha riferito che il blocco economico, commerciale e finanziario che vive l’Isola delle Antille è il principale ostacolo alle relazioni tra i due paesi ed ha segnalato l’appoggio del Governo britannico dato a Cuba nella lotta contro questa misura unilaterale degli Stati Uniti che impedisce di sviluppare  maggiori progetti di sviluppo.
Ha inviato uno speciale ringraziamento ai membri della solidarietà lì presenti per «tutto l’appoggio che ci avere dato nella campagna per la liberazione dei Cinque».
Ora loro conducono una vita normale con le loro famiglie in Cuba e tutti lavorano in differenti ambiti e quando parliamo con loro, dei momenti vissuti in quei loro anni di reclusione, è sempre sottinteso il ringrazi mento per le campagne, e molti ricordano con gratitudine il movimento d’appoggio che prese forza nel Regno Unito e soprattutto l’appoggio dei sindacati britannici», ha indicato.
Un ambiente affabile e molto amichevole ha caratterizzato i differenti incontri  e in tutti si è parlato di proposte per incrementare la cooperazione e in quali settori. In questo senso si è pianificato l’approfondimento della cooperazione  nella salute, l’educazione, la cultura e lo sport.
«Adesso siamo qui con voi, ha aggiunto, chiudendo nel modo migliore la giornata. Ancora una volta voglio ripetere il ringraziamento di Cuba per tutto quello che avete fatto dalla solidarietà».
«In qusta breve visita e in questo incontro abbiamo provato amicizia e affetto» ha assicurato.
Poi si è parlato di unità, perché nella vera unità di racchiudono molte essenze. Nonostante le avversità, le pressioni e qualcuno che può porre ingerenze, ha valutato il Capo di Stato cubano, uniti vinceremo tutti gli ostacoli, le ingerenze e le avversità e da tutti noi uscirà il meglio come vittoria: l’amicizia, la solidarietà e la cooperazione .( GM – Granma Int.)