ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Philip Hammond, sec0nda figura del governo britannico e ministro al Patrimonio ha ricevuto il Presidente di Cuba Miguel Díaz-Canel. Photo: Cubaminrex

Il Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri ha realizzato una visita di transito a Londra, prima di partire di ritorno per L’Avana, dopo la conclusione, domenica 11 in Laos di giornate di lavoro intenso con fruttiferi risultati che hanno caratterizzato il giro che ha compreso la Russia e altri quattro paesi dell’Asia.  
La mattina di ieri, poco dopo il suo arrivo nella capitale del Regno Unito della Gran Bratagna e dell’Irlanda del Nord, il Capo di Stato cubano si è riunito con Philip Hammond, seconda figura del Governo Britannico e ministro al Patrimonio e nel dialogo hanno analizzato temi attuali dell’agenda bilaterale.
Nella tarda serata  Díaz-Canel e la delegazione ch lo ha accompagnato durante questo suo primo percorso internazionale fuori dalla regione dell’America Latina e dei Caraibi, hanno partecipato a un dialogo ameno con i membri della missione statale di Cuba in questo paese.
A proposito delle ultime giornate, ha commentato che nei cinque paesi visitati la delegazione cubana ha ricevuto un calda accoglienza ed ha realizzato franche conversazioni con i principali dirigenti del Partito e del Governo su diversi temi d’interesse comune.
Il Presidente cubano ha felicitato i cubani presenti per i risultati della storica votazione che è avvenuta lo scorso 1º novembre nelle Nazioni Unite a favore della Risoluzione cubana che condanna l’ingiusto  blocco economico, commerciale e finanziario imposto a Cuba dagli Stati uniti.
In questa vittoria, ha assicurato, ha avuto molto a che spartire il prezioso lavoro che realizza il personale cubano nelle missioni all’estero.
Poi ha parlato della Patria, del dibattito popolare che si svolge  attualmente sul progetto di costituzione nei quartieri e nei centri di studio e di lavoro  e delle visite che il Consiglio dei Ministri fa alle province  per cercare un vincolo più stretto con la base.
Incontri come questo realizzato a Londra, sono stati una pratica comune nell’attività del Presidente Díaz Canel durante il periplo appena terminato,  un modo di dialogare con i cubani che si trovano nei paesi visitati ed anche una maniera per spiegare temi riferiti all’attualità nazionale, per conoscere come vivono e lavorano fuori dal paese. (GM – Granma Int.)