ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Il maggior terrorista dell’Emisfero Occidentale, Luis Posada Carriles, è morto ieri, mercoledì 23, a 90 anni, a Miami, senza pagare i suoi debiti con la giustizia né  risarcire una sola delle vittime
Gli Stat Uniti lo hanno protetto sino all’ultimo dei suoi giorni, dopo averlo addestrato a mettere bombe  e organizzare attentati contro la vita di centinaia di cubani .
Il suo avvocato personale ha dichiarato alla stampa che Posada è morto la mattina di ieri, mercoledì 23,  nella sua residenza di Miramar al nord di Miami. Anche se non si conosce esattamente la causa, si sa che soffriva di un cancro alla gola.
Nato a Cuba il 15 febbraio del 1928, entrò nelle forze della dittatura di Fulgencio Batista e quindi partecipò all’invasione mercenaria di  Playa Girón.
Captato e addestrato dalla CIA, partecipò a vari tentativi di assassinio contro il leader della Rivoluzione cubana , Fidel Castro Ruz.
Tra il1960 e il 1974 fu inviato come assessore alla sicurezza dei servizi segreti di Argentina, Cile, El Salvador, Guatemala e Venezuela, dove organizzò scomparse forzate e sessioni di tortura.

Photo: Archivo


Autore intellettuale dell’esplosione dell’aereo della Cubana de Aviación in
Barbados nel 1976,  in cui morirono 73 persone, fu al servizio della
Agenzia Centrale d’Intelligenza (CIA) e fu uno dei suoi principali
attivi nella guerra sporca contro la Rivoluzione Cubana.
Posada Carriles e Orlando Bosch (morto anche lui) furono detenuti a Caracas nel 1976 dalla polizia venezuelana, accusati d’aver organizzato l’attentato contro l’aereo cubano.
Nel  1985 evase dal carcere mentre  aspettava la sentenza a si installò a Miami.
Le autorità nordamericane lo accolsero pur conoscendo molto bene la sua storia come terrorista. Un documento de 1976, non più segreto, del Dipartimento Nordamericano di Stato, segnala Posada Carriles come l’autore più probabile dell’attentato in Barbados.
Archivi rivelati di recente negli USA sull’uccisione dell’allora presidente
John F. Kennedy contengono molte più informazioni sul terrorista, che era considerato così pericoloso che la CIA stessa lo vigilava.
Una delle sue azioni più recenti fu il tentativo d’assassinare Fidel Castro nel Paraninfo dell’Unversità di Panama nel 2000, nella cornice del X Vertice Ispanoamericano dei Capi di Stato e di Governo.

Photo: Archivo



Nella pianificazione dell’attentato era coinvolta anche la Fondazione Nazionale Cubano - Americana (FNCA) con vari membri della mafia della destra di Miami.
Posada e isuoi collaboratori furono detenuti grazie alle prove mostrate dalla delegazione cubana al suo arrivo a Panama .
Fu però scandalosamente liberato grazie a un indulto della ex presidente panamense Miraya Moscoso, alla fine del suo mandato nel 2004,  che ricevette in cambio molti milioni di dollari come “mazzetta” da Miami.
Nel 2005 entrò illegalmente negli Stati Uniti e fu messo in prigione per questa azione, ma due anni dopo pagò una cauzione e fu messo in libertà nonostante i richiami internazionali che reclamavano la sua estradizione in Venezuela da dove era evaso anni prima.  
Nel 2011 la giudice  Kathleen Cardone lo liberò dal delitto migratorio considerandolo “ vecchio e invalido” e da allora ha vissuto negli USA, protetto dal governo e senza mai smettere di partecipare ad attività sovversive.
(E Giustino di Celmo non ha mai avuto quella giustizia che reclamava per l’uccisione di suo figlio NdT. / GM – Granma Int.)