ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Isola Margarita – “Crediamo profondamente nella costruzione di una cultura di pace. Contate con il Venezuela per lottare in funzione degli interessi e della rivitalizzazione definitiva del Movimento dei Paesi Non Allineati- MNOAL”, ha affermato domenica 18 il presidente venezuelano Nicolás Maduro alla chiusura del XVII Vertice dell’organismo multinazionale.
Eletto nel plenario per la nuova conduzione dell’istanza, il mandatario ha dichiarato adottata la Dichiarazione di Margarita, che definisce le 21 priorità che guideranno la gestione del blocco nei prossimi tre anni.
Il documento “raccoglie la lotta storica dei popoli del sud per conquistare l’indipendenza  e la pace delle loro nazioni”, ha detto ed ha celebrato lo spirito autocritico dei dibattiti che hanno incitato a rivitalizzare il nostro Movimento per metterlo all’altezza delle nuove sfide che affrontiamo.
Poi Maduro ha indicato l’importanza vitale che negli orizzonti dell’organizzazione costituirà la lotta per un sistema di Nazioni Unite più equilibrato, a favore della pace e non di cupole che cercano l’intervento.
Maduro ha ricordato il Comandante Hugo Chávez come promotore di una nuova guida nel seno del MNOAL: “Quando ci ha chiamato a contribuire negli anni a venire allo sviluppo di una nuova geopolitica  internazionale nella quale prenda corpo un mondo multicentrico e pluripolare, libero dalle forze imperiali, che permetta di realizzare l’equilibrio del mondo e la pace mondiale.
Il governante ha fatto i suoi complimenti alla gestione dell’Iran al fronte dell’ organismo ed ha annunciato  che l’Azerbagian  sarà la sede del prossimo appuntamento d’alto livello, ed ha dichiarato terminato quello che ha definito “Un Vertice Storico! È stato un successo pieno, una vittoria della diplomazia bolivariana di pace, una vittoria del popolo venezuelano!”, ha affermato poco dopo in una conferenza stampa in cui ha sottolineato che con la sua conduzione
il MNOAL  continuerà promuovere la solidarietà, l’avvicinamento e l’unione delle nazioni che lo fermano.
Nella sessione che ha concluso il Vertice, gli alti rappresentanti delle delegazioni presenti hanno sottolineto la necessità di rinforzare il Movimento e di avanzare in un modo più efficace nei temi fondamentali dell’agenda, con priorità per la gestione di pace e la cooperazione tra i paesi membri. (Traduzione GM-  Granma Int.)