ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Il Congresso dei giuristi è terminato nella capitale. Photo: Yaimí Ravelo

Per  il suo esempio eccezionale come dirigente della Rivoluzione, per il suo ruolo fondamentale nella costruzione e la difesa del nostro socialismo, per la sua lealtà a Fidel e al Partito, per la sua guida sicura, l’Unione Nazionale dei Giuristi di Cuba  (UNJC) ha offerto al Generale d’Esercito Raúl Castro Ruz il Timbro  Commemorativo 40º Anniversario dell’organizzazione, durante la chiusura del suo ottavo Congresso, nel Palazzo delle Convenzioni.
La distinzione è stata concessa anche a  José Ramón Machado Ventura, secondo segretario del Partito e vicepresidente dei Consigli di Stato e dei Ministri e ad Homero Acosta Álvarez, segretario del Consiglio di Stato.  Simbolicamente, un gruppo di brillanti giuristi  ha ricevuto questo riconoscimento in rappresentazione dei 493  elogiati in tutto il paese.
Nella giornata è stato assegnato il Premio Nazionale al Giurista Giovane 2017,  alla dott.  Orisell Richards Martínez, professoressa della Facoltà di Diritto dell’Università de L’Avana e sono state riconosciute le province più meritevoli: Guantánamo, La Habana, Villa Clara, Camagüey, Holguín, Granma e Santiago di Cuba.
Nella sessione finale si è svolta la presentazione della nuova Giunta Dirigente dell’organizzazione, con la guida ratificata di  José Alexis Ginarte Gato.  
Poi il Premio Nazionale di Diritto  2012, Rodolfo Dávalos, ha letto la dichiarazione della ONJC che condanna il terrorismo, gli attacchi contro il Venezuela e il blocco imposto a Cuba da più di mezzo secolo.
Nel sue parole di chiusura, Homero Acosta ha segnalato l’implicazione del Diritto in tutto il nostro processo rivoluzionario, un Diritto popolare ha detto, che si sostenta in un esercizio democrático autentico.
Inoltre ha reiterato la partecipazione vitale dei giuristi all’attività legislativa che si è incrementata con l’avanzare del processo d’attualizzazione economica.
Dal 6º Congresso del Partito a dicembre del 2016, ha informato, sono state approvate più di 130 politiche, 300 disposizioni giuridiche e sono state derogate 700 norme.  58 sono state modificate.
Tra le normative ha citato quattro leggi, 36 decreti legge e 26 decreti.
Ciononostante  persistono deficienze e violazioni etiche, ha detto ed  ha allarmato su quanto manca da fare  in materia di consulenza  giuridica.
Acosta Álvarez si è riferito al processo di riforma costituzionale che si dovrà realizzare perchè oggi molte norme nate dall’attualizzazione superano i principi costituzionali.
«Realtà sociale e Costituzione devono andare avanti mano per mano»,  ha assicurato «e realizzarlo domanda un incremento dell’esercizio legislativo. In questo momento, come ora, l’Unione dove avere una maggior partecipazione».
Precedentemente nella sessione mattutina, il generale di divisione Leonardo Andollo Valdés, secondo  capo della Commissione  Permanente d’Implementazione e sviluppo delle Linee aveva offerto un’informazione ai delegati sulle attività di maggior impatto realizzate dalla celebrazione del 7º Congresso del Partito ed ha commentato il processo di consultazione della Concettualizzazione e del Piano di Sviluppo sino al 2030, l’approvazione  e l’implementazione di 19 politiche, il compimento dei programmi di lavoro per l’unificazione monetaria, i passi avanti del perfezionamento delle strutture di governo, così come gli aggiustamenti realizzati nell’esperimento delle cooperative non agricole e del lavoro autonomo. ( Traduzione GM - Granma Int).