ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
FIHAV 2016 , 34ª Fiera Internazionale de L’Avana. Photo: Ismael Batista

Mostrare la cartella delle esportazioni di Cuba, consolidare i vincoli e differenziare le relazioni economiche internazionali con enfasi in quei progetti d’interesse per lo sviluppo del paese, sono direttrici molto ben definite nella 34ª edizione della Fiera Internazionale de L’Avana (FIHAV 2016), che termina oggi, lasciando la missione agli imprenditori cubani di rendere concrete le alleanze come gli affari iniziati.

La presentazione di ieri giovedi 3, di 40 prodotti e 30 servizi dell’Università di Scienze Informatiche UCI, destinati all’esportazione, corrisponde al principio di penetrare sempre più il mercato internazionale ed estendere la portata dei prodotti che potenziano l’innovazione.

“I servizi accademici e gli editoriali, come lo sviluppo dei multimedia, i sistemi di gestione di dati, l’informatica industriale e le soluzioni delle imprese sono alcune delle offerte della UCI, che spera di diventare una città digitale modernissima, nella quale si prevede agiranno 20.000 persone”, ha detto la membro del Burò Politico e rettrice dell’istituzione , Miriam Nicado García.

Questa giornata della FIHAV presenta la celebrazione dei Giorni Nazionali di Cile e Regno Unito, riaffermando l’interesse di continuare ad ampliare i vincoli commerciali, a tono con le trasformazioni economiche che vive il paese.

Oggi prima della chiusura nel Palazzo delle Convenzioni, si svolgerà la presentazione dell’offerta esportabile cubana di beni e servizi. ( Traduzione GM – Granma Int.)