ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Caracas.– Il sistema della collaborazione cubana in Venezuela ha consegnato formalmente all’Ambasciata cubana a Caracas una donazione di più di mezzo milione di pesos, apportata volontariamente dai 18.625 collaboratori per appoggiare le famiglie danneggiate dallo scorso 27 gennaio dal passaggio del tornado che ha devastato una parte de L’Avana.

Durante la consegna, con la presenza di Julio César García Rodríguez, a capo dell’Ufficio di Attenzione alle Missioni (OAM) cubane in Venezuela, e del responsabile dell’Ufficio Economico della delegazione, Lázaro Víctor Artola Madrazo, è stato segnalato che i collaboratori sono molto attenti alla situazione nella Patria e per questo hanno espresso immediatamente la loro volontà di aiutare, coronata con questo apporto che accrescerà il conto bancario disposto dal Consiglio d’Amministrazione de L’Avana con questi fini umanitari.

Julio Antonio Pérez Álvarez, presidente del Banco Cubano d’Esportazione e Commercio, ha commentato che l’espressione in moneta nazionale –511 509 CUP, che è come giungerà nel conto stabilito – di tutte le donazioni parte del trasferimento al tipo di cambio attuale di 6370 pesos in moneta liberamente convertibile e 352.244 in moneta nazionale donati.

Se tutto quanto apportato si valuta come moneta liberamente convertibile, il valore dell’apporto raggiunge i 20.460 dollari.

Il presidente del Banco d’Esportazione e Commercio ha riferito che il processo degli apporti ha coinciso con due momenti trascendentali: il Referendum sulla Carta Magna cubana e le pressioni degli Stati Uniti contro la pace in Venezuela, ma anhce così, il 94,2% dei collaboratori ha apportato alla causa.  

Wisney Carbonell Pérez de Corcho, direttore economico della Missione Medica in Venezuela, come un attivo partecipante all’organizzazione dell’impegno, ha aggiunto che l’unità di tutti i cubani, lì, ha moltiplicato il valore dell’apporto.

«Le 11 missioni nei 24 stati e il personale diplomatico cubano qui presenti hanno partecipato attivamente a questa donazione che ha messo da parte il carattere economico per risaltare un processo politico d’appoggio ai nostri compatrioti in difficoltà ( GM – Granma Int.)