ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
José Ramón Balaguer Cabrera, membro della Segreteria del Comitato Centrale del PCC in Mozambico . Photo: Granma

Il compagno José R. Balaguer Cabrera, membro della Segreteria del Comitato Centrale del Partito, ha partecipato a un ampio scambio, caratterizzato da un profondo sentimento di umanismo, modestia, gratitudine e solidarietà
con più di cento medici e insegnanti cubani che lavorano in ospedali e scuole del Mozambico.
Sensibilmente emozionati, diversi collaboratori hanno raccontato le loro esperienze salvando vite o contribuendo alla formazione dei giovani, impartendo lezioni nelle università e scuole tecniche di questo fraterno paese.
È stata segnalata la conoscenza di malattie già inesistenti perchè sradicate dalla Rivoluzione sin dai primi anni, con l’affetto, il rispetto e la riconoscenza che ogni giorno ricevono da uomini e donne umili del popolo mozambicano.
Sono state reiterate parole d’appoggio ai medici cubani che ritornano dal Brasile, obbligati dalle espressioni e dalle decisioni del presidente eletto Jair Bolsonaro, contrarie alla presenza e al lavoro umano dei nostri  collaboratori in questo paese.
Durante l’incontro il membro della Segreteria del Comitato Centrale del Partito ha risaltato che l’invariabile condotta di Fidel e della Rivoluzione  si riflette nel lavoro di ogni collaboratore che pongono al di sopra di tutto l’essere umano, la solidarietà e l’aiuto ai popoli che hanno necessità.
Ha detto che nelle parole espresse c’è l’essenza del concetto Rivoluzione: è difendere i valori nei quasi si crede al prezzo di qualsiasi sacrificio…
… è modestia, solidarietà ed eroismo… è solidarietà e umanesimo… che è la base del nostro patriottismo, del nostro internazionalismo e del nostro socialismo.
Oggi in Mozambico collaborano 361 professionisti  cubani nei  settori della salute, l’educazione, la cultura, sparsi nelle province di Maputo, Nampula, Zambezia, Sofala, Tete, Gaza, Inhambane, Manica, Cabo Delgado e Niassa.
Come parte della visita, la delegazione del Partito ha sviluppato un ricco programma di scambio di lavoro con dirigenti del Fronte di Liberazione del Mozambico  (Frelimo), e del governo nella base, in distretti, province e del Comitato Centrale; ha visitato i luoghi storici dove sono nati Eduardo Mondlane, fundator edel Frelimo, Samora Moises Machel, primo presidente e leader della nazione africana e Joaquim Chissano, presidente onorario del Partito Frelimo.
In questi luoghi hanno incontrato due figlie di Samora Machel e Nyeleti, e la figlia di Mondlane, attuale ministro allo Sport e la Gioventù e membro della direzione politica del Frelimo.
Particolarmente importanti sonostati Gli incontri con i giovani professionisti mozambicani laureati a Cuba sono stati particolarmente rilevanti.
Questi con molto affetto hanno espresso la loro gratitudine ai professori, a Cuba e in modo speciale al Comandante in Capo, Fidel Castro.
Se auto denominano «mozambicubani» ed è interessante  sapere che ogni quindici quadri o dirigenti del paese uno si è laureato a Cuba,  che occupano importanti responsabilità nei settori chiave dell’economia, nel governo e nel partito a differenti livelli.
Dal 1977 e sino ad oggi hanno studiato a Cuba circa 15.000 bambini e giovani  Mozambicani oltre a 10.000 formati dai nostri professori d’educazione, cultura e salute nel loro paese.
Al termine della visita, la delegazione  del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba, ha incontrato la capo dei deputati del Frelimo nell’Assemblea Nazionale, Margarita Talapa e un gruppo di deputati;  ha realizzato  una visita di cortesia a Marcelino Dos Santos, eroe della Repubblica del Mozambico, e un secondo incontro con Roque Silva, Segretario Generale del Frelimo.
È stato firmato il libro di condoglianze per la morte di Alí Rodríguez Araque nella missione diplomatica venezuelana a Maputo, e c’è stato uno scambio con lo staff dell’Ambasciata cubana in questa fraterna nazione.( GM – Granma Int.)