ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Jair Bolsonaro guida i sondaggi nella seconda tornata presidenziale. Photo:* El Comercio Foto: Granma
Jair Bolsonaro guida i sondaggi nella seconda tornata presidenziale. Photo:* El Comercio Photo: Granma

Il presidente eletto del Brasile, il reazionario Jair Bolsonaro, ha messo in dubbio se mantenere le relazioni diplomatiche con Cuba.

In un’intervista, Bolsonaro si è mostrato ironico quando gli hanno chiesto che affari avrebbe potuto realizzare con l’Isola dei Caraibi.

«Guardi, rispettosamente, che affari potremmo fare con Cuba? Parliamo di diritti umani?», ha detto quando gli hanno chiesto se prevedeva di chiudere la sua ambasciata in Cuba.

Il rappresentante dell’ultra destra ha criticato la presenza in Brasile di 11.000 medici cubani che lavorano nelle regioni povere della nazione sudamericana.

I medici dell’Isola sono in Brasile dal Governo della presidente costituzionale Dilma Rousseff (2003).

Le autorità cubane hanno ribadito la loro disposizione a mantenere le relazioni con Bolsonaro anche se pensano in modo differente.

Rispetto al Venezuela, il presidente eletto ha solo dettagliato che il suo ambasciatore si trova già in Brasile e che l’ambasciata è stata chiusa.

«Non abbiamo più contatti», ha detto.

Nella mattina di ieri, domenica 4, il vicepresidente eletto Hamilton Mourao ha indicato una politica di pressione contro il Venezuela.

Mourao ha segnalato che il Governo di Bolsonaro manterrà una politica di pressione diplomatica contro il Venezuela e inoltre ha criticato l’Unione delle Nazioni Sudamericane (Unasur), considerandola “moribonda e praticamente in fallimento. (Telesur/ GM – Granma Int.)