ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
La Bolivia nella ONU . Photo: schermo

«La Bolivia saluta la presenza di Bruno Rodríguez Parrilla e la sua delegazione.
Il blocco è una questione di somma importanza, una delle questioni più importanti alle quali le Nazioni Unite prestano la propria attenzione.  Con il blocco contro Cuba si viola il rispetto alla sovranità. Per 26 anni  consecutivi la  comunità Internazionale ha reclamato a un solo stato e a un solo paese: gli Stati Uniti, di astenersi da politiche unilaterali e di unirsi al resto delle nazioni.
 È ora che si facciano rispettare le relazioni che i suoi membri hanno determinato. Il blocco è illegale e ingiusto, danneggia lo sviluppo, il commercio estero e l’industria cubana, è immorale perchè danneggia la salute e l’educazione e da 27 anni partecipiamo in questa assemblea alla votazione per la sua eliminazione.
Ci appare cinico che si cerchi di distorcere il senso di Cuba, perchè Cuba è un esempio per tutta l’umanità, con innumerevoli conquiste, con una popolazione libera che nonostante tutti i limiti che soffre, offre la sua solidarietà ai paesi del mondo nell’educazione, la salute, l’arte e la cultura.
Cuba è stata sempre a lato dei paesi del mondo nella lotta contro l’analfabetismo, la lotta contro l’ebola, nei cicloni, nei terremoti.
In tutte le avversità Cuba c’e stata.
Cuba serve da guida ai popoli del mondo. Oggi non solo parliamo di Cuba, ma di tutto il sistema multilaterale che è minacciato.
Dobbiamo lottare per il diritto internazionale e per le Nazioni Unite.
Cuba è un’enorme isola di dignità e tocca a noi lottare per far terminare questa politica ostile e illegale che danneggia Cuba.
«Dobbiamo lottare per difendere i principi e i propositi della comunità internazionale (GM – Granma Int.)