ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Molti occhi umidi di lacrime tra i partecipanti commossi dallo spettacolo  “Te pongo a bailar”, interpretato  da un gruppo  di bambini e adolescenti della compagnia  'Danza Cubana Elaine Cantillo', che hanno offerto un percorso per i ballabili tradizionali dell’Isola.
La presentazione è iniziata con una danza dedicata a Oyá, orisha del pantheon yoruba, seguita da una consacrata al son, con l’accompagnamento della nota canzone “Mi sombrero de Yarey”, resa popolare dall’orchestra  “Original de Manzanillo” e a continuazione l’interpretazione  del ballo della ciabatta e una conga finale.
L’elenco dei giovani artisti è formato in maggioranza da italiani residenti a Latina Scalo, frazione del municipio di Latina, a circa 80 Km. a sud da Roma, dove 18 anni fa la cubana Elaine Cantillo cominciò il suo lavoro pedagogico con tre bambini.
Questa professoressa in Cultura Fisica, per superare la nostalgia di Cuba  ha dedicato parte delle sue energie alla diffusione dei balli popolari del suo paese tra i bambini della sua zona, e oggi dirige una scuola con 40 alunni.
Dopo lo spettacolo, i  cinquanta delegati hanno partecipato a un animato dibattito su importanti temi come la lotta per l’eliminazione del blocco degli USA contro Cuba e il dibattito popolare del Progetto per la nuova Costituzione della Repubblica di Cuba.
I partecipanti hanno eletto  Liubertsi Bueno  nuovo responsabile del Coordinamento  Nazionale dei Cubani Residenti in Italia.
Bueno, alla guida di un Comitato Organizzatore di sette membri eletto dall’assemblea, sarà anche l’incaricato della trasformazione dell’ente coordinatore in un’associazione nazionale.
La politica migratoria cubana, l’utilizzo delle reti sociali per la difesa della Rivoluzione e la partecipazione al prossimo incontro dei cubani residenti in Europa, che si realizzerà in Belgio nel 2019, sono stati aspetti dibattuti nella riunione
Erano presenti l’ambasciatore cubano in Italia, José Carlos Rodríguez, il ministro consigliere  Jorge Luis Alfonzo, la console generale a Milano, Oneida Baró, il console in Roma  Fidel Derivet e il capo della sezione consolare della missione diplomatica in Roma, Félix Lorenzo.
La magia musicale dell’Isola si è di nuovo impadronita della sala quando la cantante lirica cubano-italiana  Mónica Marziota, ha interpretato  'Quiéreme mucho', di Gonzalo Roig e 'Cómo fue', di Ernesto Duarte.
Mónica ha cantato la pirma canzone con la madre, la giornalista  Carmen Oria Valdés, e sono state accompagnate dal chitarrista Salvatore Masucci, anche lui molto applaudito, al termine di una giornata memorabile, come l’hanno definita alcuni partecipanti. ( PL/GM – Granma Int.)