ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Jair Bolsonaro gesticola dopo aver ricevuto una pugnalata a Juiz de Fora, nello stato di Minas Gerais. Photo: AFP

Il candidato presidenziale dell’estrema destra brasiliana, Jair Bolsonaro, è stato vittima di un attentato con arma bianca durante la campagna elettorale nello stato di Minas Gerais.
«È stata una ferita superficiale all’addome, che ha richiesto sei punti di sutura», ha detto al portale di notizie UOL uno dei figli del candidato alla presidenza, Flavio Bolsonaro, deputato nello stato di  Río de Janeiro.
La televisione Globo ha trasmesso immagini del momento in cui è avvenuto l’attacco nella località di Juiz de Fora, e di come l’autore, identificato come Adelio Bispo de Oliveira, di 40 anni d’età è stato detenuto in flagrante dagli agenti della Polizia Federale.

Il coltello che Adelio Bispo de Oliveira avrebbe usato per ferire Bolsonaro. Photo: Cubadebate

«Ci ha detto che la ragione dell’attentato era per motivi personali che non  abbiamo capito. In certi moment ha aggiunto che era per ordine di Dio» spiega il rapporto della polizia Militare di Minas Gerais.
Il candidato della destra più reazionaria, nella sua campagna ha incentivato la violenza, il possesso e l’uso delle armi da fuoco.
In un recente comizio ha minacciato di fucilare tutti i simpatizzanti del Partito dei Lavoratori (PT).
Jair Bolsonaro, del Partito Social Liberale (PSL), in tutte le inchieste d’intenzione di voto realizzate sino alla fine d’agosto è stato sempre il secondo  nelle preferenze dell’elettorato, sempre dietro al ex presidente  Luiz Inácio Lula da Silva, il meglio collocato nonostante sia rinchiuso in carcere come prigioniero politico da più di 150 giorni.(GM – Granma Int.)