ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Il deposito è stato incontrato dalla petroliera Equinor e potrebbe contenere almeno due milioni di metri cubi di greggio. Photo: EFE

La Direzione del Petrolio della Norvegia ha confermato di recente la scoperta di un giacimento di gas e pertrolio nelle profondità del Mare del Nord, nella zona marittima vicina al campo potrolifero di Gudrun, a sudest del paese.
Il giacimento è stato scoperto dalle imprese petrolifere Repsol, Neptune e OMV, dopo un lavoro di spedizione diretto dall’operatrice di un lavoro di spedizione diretto dall’operatrice Equinor Energy.
Sino ad ora hanno perforato più di 10 chilometri, e gli esperti stimano che il deposito può contenere circa due milioni di metri cubi di greggio.
Le compagnie devono iniziare distinti studi preliminari per determinare se l’idrocarburo ha la qualità e la capacità per essere elaborato e messo in commercio.
Anche se le corporazioni hanno una percentuale di partecipazione nella gestione e nello sfruttamento del petrolio, nella zona è la compagnia spagnola Repsol che ha i diritti minerari delle 27 riserve di produzione della Norvegoia
Il paese nordico produce più di 28.000 barili di greggio al giorno  possiede una delle  riserve  di gas e petrolio più grandi del mondo alla frontiera artica, vicino alle acque del Nord, soprattutto nel mare di Barentsi. ( Telesur/ GM – Granma Int.)