I «colpi maestri» contro il Venezuela › Esteri › Granma - Organo ufficiale del PCC
ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Il fallito tentativo d’assassinio del Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro, si somma alla lunga  catena di azioni di destabilizzazione, tentativi di colpi di Stato, boicottaggi, sanzioni di guerra economica e mediatica che la Rivoluzione Bolivariana ha dovuto affrontare.
Si tratta di una chiara strategia di guerra non convenzionale che opera su distinte scale con una messa a fuoco su diversi settori: militare, economico, mediatico, diplomatico, politico e sociale.
Rispetto al fallito attentato perpetrato contro di lui lo scorso 4 agosto, Maduro  ha annunciato che presenterà prove indiscutibili che incriminano il Governo della Colombia in questi fatti, ha informato  TeleSur.
Il mandatario ha anche assicurato che gli esecutori del piano di omicidio sono stati addestrati nella città di Chinacotá, nel dipartimento di Santander in territorio colombiano.
«È chiaro e ci sono prove sufficienti sulla partecipazione del governo  uscente della Colombia. Abbiamo l’ubicazione e i nomi a Chinacotá, nel nord di Santander, dove gli assassini, i terroristi si addestravano con allenatori colombiani».
Il ministro degli Interni, Giustizia e Pace, Néstor Reverol, ha segnalato che uno degli implicati ha un ordine di cattura per il vincolo con l’attacco al Fuerte Paramacay del 2017, mientre un altro era stato recluso per la sua partecipazione  alle guarimbas del 2014.
Il Capo di Stato ha dichiarato che i colpevoli dell’azione terrorista sono già stati catturati e le informazioni ufficiali parlano di sei detenuti ( Últimas noticias.com.ve/Disegno: Guillermo Meriño Suárez/ GM – Granma Int.)