ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
È impossibile pensare che capiranno quello che sta succedendo nel tribunale. Photo: El Periódico

Come conseguenza della politica migratoria di Donald Trump, i minorenni immigrati sono citati dalle corti senza avvocati, cioè devono difendersi da soli.
Il quotidiano USA Today ha spiegato la storia di un bambino di tre ani che si è presentato davanti al giudice e ha dovuto difendersi da solo per evitare la deportazione. Ha tentato d’entrare col padre ma li hanno separati perchè avevano passato illegalmente la frontiera con gli USA.
Un video della ONG /Unaccompanied Children/, che lavora con le comunità d’immigranti dal 1978, è diventato virale nelle ultime ore nelle reti sociali Perché mostra un giudizio di questi minori, ha informato il quotidiano catalano El Periódico.
«Quando i bambini appaiono nella corte d’immigrazione, nove su dieci vengono deportati. Quando appaiono con un avvocato, le corti d’immigrazione hanno permesso che quasi la metà dei minori resti negli Stati Uniti, segnala il video.
In accordo con gli autori di questo video diretto da Linda Freedman, si tratta di una riproduzione dei procedimenti tipici che avvengono ogni giorno nelle corti d’immigrazione ripartite per gli Stati Uniti.
«Il proposito del video è far vedere la situazione di questi minori e mobilitare la cittadinanza. Ho immaginato che il video entusiasmi avvocati, studenti di diritto, traduttori  e  altri che potrebbero aiutare i bambini non accompagnati», ha aggiunto la Freedman.
Gli esperti in diritto sostengono che i bambini non hanno la capacità di difendersi da soli e tantomeno in una lingua che intendono appena.
«È impossibile pensare che capiranno quello che accade nel tribunale, le accuse che presenta il governo federale o che capiscano quello che dice il pubblico ministero, tutto in inglese, una lingua che non conoscono», ha spiegato Jaime Barrón, avvocato dell’immigrazione che esercita a Dallas, in Texas.
Anche se il governo nordamericano non è obbligato ad offrire un avvocato d’ufficio, la maggiorana dei giuristi considera che sì si deve considerare che un bambino non può parlare per sè stesso e che dovrebbero esistere
meccanismi per garantirgli  una rappresentazione legale.
Molti statunitensi credono che la “tolleranza zero” con l’immigrazione dell’amministrazione Trump stia andando troppo lontano.
Ora si vergognano quando sanno che questi bambini sono stati nelle corti d’immigrazione senza avvocato, in altre parole che devono difendersi da soli. ( GM – Granma Int )