ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Omaggio a Farabundo Martí in El Salvador. Photo: Archivo

Con guardie d’onore e canti rivoluzionari è stato ricordato il 125º anniversario della nascita di  Farabundo Martí, precursore delle lotte  per la giustizia sociale in El Salvador.
Nel cimitero  Los Ilustres della capitale,  è stato ricordato il leader la cui lotta ispirò il fronte progressista che porta il  suo nome, assassinato dagli sbirri del dittatore  Maximiliano Hernández il 1º  febbraio del 1932.
Martí partecipò ai  preparativi della ribellione del  1932, ma tre giorni prima fu arrestato e ucciso dopo un processo sommario, e il Partito Comunista fu dichiarato illegale dopo un’ondata di repressione.
Nato il 5 maggio del 1893 a Teotepeque, nel dipartimento La Libertad, Martí crebbe in un’epoca in cui il potere oligarchico di alcune famiglie padrone di piantagioni di caffè si appropriavano delle terre degli indigeni e dei contadini.
Iniziò a studiare legge nell’Università di El Salvador, che abbandonò per dedicarsi alla lotta rivoluzionaria; partecipò all’organizzazione dei sindacati dei lavoratori che cominciarono ad esigere i loro diritti.
Non fu solo protagonista delle battaglie del suo popolo, ma fu anche membro della Lega Antimperialista delle Americhe, del Soccorso Rosso Internazionale e del Partito Comunista del Messico.
Per il suo pensiero e le sue azioni fu esiliato e viaggiò in Guatemala, Messico, Cuba, Giamaica, Stati Uniti e Nicaragua.
In Guatemala nal 1935 partecipò alla fondazione del Partito Comunista Centroamericano.
Lottò assieme al patriota  Augusto César Sandino nella guerra del Nicaragua contro l’invasione statunitense, e il 4 maggio del  1929 fu nominato colonnello dell’Esercito Difensore della Sovranità Nazionale di questa nazione.(PL/ GM – Granma Int.)