ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Circondato da una marea di seguaci, l’ex presidente  del Brasile, Luiz Inácio Lula da Silva ha annunciato sabato 7 che si sarebbe consegnato alla polizia per scontare la sua condanna a 12 anni di reclusione, in un emozionato discorso pronunciato nella sede del suo sindacato a Sao Bernardo do Campo.
A continuazione la nostra sezione Dalla Sinistra presenta i punti principali del discorso.
Lula considerato il leader  più carismatico del Brasile, che guida tutti i sondaggi d’intenzione di voto per le elezioni presidenziali di ottobre, ha affermato che sconterà la sentenza dettata contro di lui per poter dimostrare che è innocente, ma ha chiarito che: «Da oggi nessuno dormirà con la coscienza tranquilla come me. Vado a rispettare il loro comando», ha detto durante la celebrazione di una messa per la sua defunta moglie nel sindacato, alla periferia di Sao Paulo. (GM – Granma Int.)