ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

BUENOS AIRES.— In un giorno speciale nel quale hanno ricordato i 40 anni della loro lotta, le Nonne di Piazza di Maggio hanno annunciato il recupero dell’identità della nipote 125, sequestrata durante l’ultima dittatura civico- militare argentina.
Durante una cerimonia per l’anniversario di quella data, quando si unirono nel mezzo del dolore per cercare i loro familiari scomparsi, emozionata, la presidente di questa associazione dei diritti umani, Stella de Carlotto, ha segnalato che si tratta della figlia di Lucía Rosalinda Victoria Tartaglia.
La giovane fu sequestrata il 27  novembre del 1977, a  24 anni, a La Plata, dove militava e quando i suoi familiari seppero che era incinta cominciarono la ricerca per scoprire il luogo in cui il bambino nato in prigione.  
Le prove del Banco Nazionale dei Dati Genetici hanno permesso l’identificazione, 38 anni dopo, della nipote di Lucia identificata come Vittoria.
“Grazie alla  perseveranza della nostra ricerca e di tutto il movimento dei Diritti Umani, oggi la nipote 125 può conoscere la verità sulla sua origine”,  hanno scritto le Nonne in un comunicato.  
La notizia è stata un raggio di luce per molti argentini che lo hanno festeggiato in  twitter, dove l’etichetta  #Nieta125 è diventata il primo luogo di tendenza.
“Benvenuta nipote 125”, hanno scritto molti.
“Questo è il miglior augurio per 40° anni d’Amore, Memoria, Verità e Giustizia”.
( Traduzione GM – Granma Int.)