ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

CARACAS.–Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, ha condannato  la posizione  del governo degli  Stati  Uniti contro il governo venezuelano ed ha sostenuto che questi  attacchi riaffermando la sua lealtà alla patria.
«Se l’impero mi attacca in questa forma vuol dire che sto compiendo la  mia missione, facendo il mio lavoro, che sono leale ai principi della Patria e di un popolo che merita la protezione del suo governo», ha ratificato da Yare, in Miranda, in una trasmissione di radio e televisione.
Il mandatario ha condannato così le recenti dichiarazioni de suo omologo statunitense Donald Trump,  che ha segnalato, mercoledì 18, che gli Stati Uniti soffrono l’oppressione socialista del regime di Maduro».
«Adesso sono io quello che opprime il popolo degli Stati Uniti. Mai prima, un presidente degli Stati Uniti aveva fatto questa quantità di attacchi e detto tante pazzie contro un presidente legittimo del Venezuela, mai in 200 anni», ha ribadito  con veemenza.
«Per questo, ha segnalato, la vittoria del chavismo nelle elezioni regionali dà un messaggio gigantesco a Donald Trump e alla destra mondiale, che il popolo del Venezuela si rispetta e il popolo si farà rispettare» ¯(Traduzione GM – Granma int.)