ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Arreaza: «Durante il Consiglio dei Diritti Umani della ONU non si è sentita nessuna dichiarazione contro il Venezuela». Photo: AVN

CARACAS.–Il cancelliere del Venezuela, Jorge Arreaza,  ha informato venerdì 29 settembre che 63 paesi dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) hanno condannato le sanzioni imposte da parte del Governo statunitense contro il paese sudamericano.
Durante una conferenza stampa, Arreaza ha annunciato che le 63 nazioni hanno firmato una Dichiarazione Congiunta a Ginevra, come mostra d’appoggio alla sovranità del Venezuela.
Il diplomatico  ha dettagliato che tra i 63 paesi ci sono: Cuba, Cina, Russia, Bolivia, Iran, Paquistan, Egitto, Algeria, India, Sudafrica, Angola, Etiopia, Nigeria, El Salvador, Antigua y Barbuda, Haiti, Giordania e Suriname, tra i tanti.
Il ministro ha segnalato che durante il Consiglio dei Diritti Umani della ONU non si è sentita nessuna dichiarazione contro il Venezuela e lo ha catalogato come “ un nuovo trionfo”.
« Il Venezuela non solo rispetta e rispetterà i diritti umani , ma investe il 76% delle sue entrate negli esseri umani », ha detto  Arreaza.
Il funzionario venezuelano  ha reiterato che le sanzioni degli Stati Uniti sono  «manovre politiche per continuare la scalata contro il Venezuela, e questo   lo si considera  come un’ inaccettabile atteggiamento d’interventismo che vuole danneggiare il popolo venezuelano e il suo Governo».
Arreaza ha poi ricordato la dichiarazione dei Paesi non Allineati  (Mnoal), dove 120 Stati membri hanno a loro volta repsinto le sanzioni e le minacce fatte contro paesi come il Venezuela, la Russia e la Siria.
Al termine ha lamentato di non poter avere relazioni di rispetto reciproco per poter mantenere un dialogo internazionale con l’obiettivo di risolvere le differenze che ci sono tra le due nazioni. ( Traduzione GM – Granma Int.)