ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

MANAGUA.–Il presidente del Nicaragua, Comandante Daniel Ortega, e la vicepresidente della Repubblica, compagna Rosario Murillo, hanno salutato  il Gionro della Ribellione nazionale di Cuba che commemora il 64º anniversario del assalto alle caserme  Moncada, a Santiago di Cuba, e Carlos Manuel de Céspedes, a Bayamo.
Il messaggio diffuso dalla compagna  Rosario Murillo attraverso i media della famiglia e della comunità del paese centroamericano, segnala  che si compiono 64 anni e la ribellione cresce.
È un altro 26 di luglio per commemorare l’a audacia e la suprema prodezza di Fidel, di Raúl, del popolo cubano che accese la fiaccola rivoluzionaria in Nuestra America e nei Caraibi.
Di fronte all’impero che, come diceva il poeta nicaraguense Fernando Gordillo “è sempre lo stesso”, la ribellione diventa gigante in America Latina e nei Caraibi e segue l’esempio vigoroso e vitale di Fidel  di quei giorni di storia e gloria che accesero il cuore e la speranza dei rivoluzionari di questo continente e del mondo.
I nicaraguensi, aggiunge il testo, siamo cresciuti e abbiamo imparato, abbiamo conosciuto e apprezzato tutti i doni che la Rivoluzione cubana ha ricevuto e moltiplicato verso il mondo.
In questi nuovi tempi di lotta e responsabilità, di vittorie coltivate nel fragore del combattimento per affrontere tutte le minacce e continuare a promuovere benessere, sviluppo e felicità per i nostri popoli, salutiamo Fidel in vita e il suo legato, Raúl, il Partito Comunista di Cuba, il governo rivoluzionario e tutte le famiglie cubane nella fraternità rivoluzionaria che ci caratterizza, che ci fa forti e che ci dispone a moltiplicare talenti e capacità, intelligenze e ingegno, per abitare questo altro mondo con l’esperienza indispensabile per continuare a convincere, conclude il messaggio( Traduzione GM - Granma Int.)