ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Manifesto: Cuba contro il blocco. Photo: Ismael Batista

Dirigenti operai di 13 paesi di tutti i continenti, riuniti nell’Incontro Internazionale Sindacale a Bruxelles, in Belgio, hanno reiterato la solidarietà con l’eroico popolo cubano ed hanno reclamato la fine del criminale blocco imposto a Cuba.
La dichiarazione è stata fatta dopo le provocazioni dell’attuale governo degli Stati Uniti, espresse dal suo presidente Donald Trump, che ha commesso il grave errore di cancellare gli accordi che favorivano l’avvicinamento tra le due nazioni.
I partecipanti al Forum hanno denunciato l’occupazione illegittima di una parte del territorio di Guantánamo da parte dei governi degli USA dal 1903, ed hanno reclamato l’immediata restituzione di questo spazio dell’Isola.
Con il lemma: Alt alle politiche di blocco contro Cuba!, i membri della Federazione Sindacale Mondiale lì riuniti hanno accordato di realizzare una nuova e dinamica campagna internazionale in vista di mobilitare il pianeta per dare la risposta alle due domande.
I sindacalisti riuniti nell’Incontro Sindacale di Bruxelles, in Belgio, hanno segenalato che l’eliminazione del blocco contro Cuba e la restituzione dello spazio occupato dalla Base Navale di Guantánamo saranno gli obiettivi concreti e immediati di coloro che lottano nel mondo per la democrazia, l’uguaglianza e la libertà piena delle nazioni. ( Traduzione GM- Granma int.)