ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Photo: VTV

CARACAS.- L’ambasciatore del Venezuela presso l’Organizzazione degli Stati  Americani (OSA), Samuel Moncada, ha segnalato il ruolo delle nazioni dei Caraibi per frenare le pretese interventiste in questo ente regionale contro la nazione sudamericana, ha informato PL.  
In un programma trasmesso da Radio Nacional del Venezuela (RNV), Moncada ha segnalato che il nuovo freno della destra nella OSA « lo si deve alla dignità e ai principi dei paesi fraterni dei Caraibi».
Il diplomatico venezuelano  ha risaltato anche che «mentre un gruppo di nazioni scommette sulla mancanza di rispetto delle norme internazionali, come la strategia per aggredire un nazione sovrana, ne esistono altri come Antigua y Barbuda, San Cristóbal y Nieves, San Vicente y las Granadinas, che difendono le istituzioni».
«Questo gruppo di paesi, ha sottolineato  Moncada- ha impedito che aggredissero il Venezuela, e hanno detto: andiamo a difendere l’istituzionalità internazionale e per questo per noi questa è una vittoria, perchè l’opposizione venezuelana sta contando su un intervento».
«Queste  isole stanno affrontando  gli Stati Uniti dicendo loro:  crediamo nel diritto internazionale,  crediamo che voi lo dovete rispettare, crediamo che voi non potete spiare gli altri governi», ha aggiunto Moncada.
Il capo di Stato del Nicaragua, Daniel Ortega, ha detto che il fallimento nella OSA della riunione dei cancellieri, che non ha potuto adottare alcuna risoluzione di sanzioni contro il Venezuela e nella quale  il Nicaragua ha espresso la sua solidarietà  con il Governo di Caracas.
Esprimendo la sua solidarietà con la nazione sudamericana e il governo di Nicolás Maduro, Daniel Ortega ha definito vergognosa  la posizione  dell’Organizzazione degli  Stati Americani (OSA)  verso il  Venezuela.
«È una nuova vergogna per la OSA e i governi latinoamericani che si scagliano  contro il Venezuela»,  ha segnalato il mandatario durante un discorso di fronte all’Assemblea del Fronte Sandinista per la Liberazione Nazionale (FSLN).
Daniel Ortega ha segnalato che nell’ente regionale con sede a Washington si sferra una battaglia totalmente assurda, perchè i paesi che promuovono sanzioni contro il Venezuela dovrebbero ammirare l’esempio di Cuba, quando fu espulsa dalla OSA nel 1962 e appoggiarono un blocco brutale. ( Traduzione GM – Granma Int.)