ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

CARACAS.– Il deputato socialista del Venezuela, Diosdado Cabello, ha segnalato, domenica 7 maggio, che il presidente Nicolás Maduro, alla ricerca di una riconciliazione, ha invitato l’opposizione al dialogo, ma senza dubbio la destra spera che il Governo le consegni il potere in forma incostituzionale.
Venerdì 5, la commissione presidenziale per l’Assemblea Nazionale Costituente aveva informato che la auto denominata Tavola di Unità Democratica – MUD- era stata invitata ad una riunione per lunedi 8, nel Palazzo di Miraflores, con il fine di promuovere il dialogo e far terminare le azioni di violenza.
Il primo vicepresidente del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV) ha segnalato che gli inviti per il dialogo si sono sempre mantenuti, ma che l’opposizione rifiuta di partecipare e coloro che lo fanno vengono definiti “venduti”.
Cabello ha detto che la destra ha l’ambizione  sfrenata di prendere il potere e che dal 2002 mantiene lo stesso modello golpista contro la Rivoluzione Bolivariana, ma che il popolo si è mantenuto pronto alla lotta per difenderla.
Il mandatario venezuelano ha convocato a un’Assemblea Nazionale Costituente con l’ obiettivo di riconciliare e far tornare la pace in Venezuela, nel mezzo dell’ondata di violenza fomentata dall’opposizione , che ha lasciato 35 morti e più di 700 feriti, con molti danni materiali a beni pubblici e privati.
Cabello ha indicato che la costituente serve a blindare la Costituzione del Comandante Chávez,  un antidoto contro il colpo di Stato che  la destra venezuelana sta tentando.
Il presidente della commissione presidenziale per l’Assemblea Nazionale Costituente, Elías Jaua, ha dichirato che questo processo legislativo convocato dal presidente Maduro, è essenziale per garantire la stabilità e consolidare la pace in Venezuela.
«Di fronte alle azioni vandaliche e terroristiche generate nelle ultime settimane da gruppi di scontro sostenuti dall’opposizione, il Governo ha chiamato ad una Costituente in maniera legittima per perfezionare lo Stato, con la partecipazione del popolo», ha assicurato ancora il ministro dell’Educazione , citato da  Prensa Latina. ( Traduzione GM – Granm Int.)