ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Photo: Archivo

Con l’esame  del tema della priorità globale, Africa e il Programma delle Borse di studio della Unesco, si è conclusa alcuni giorni fa la Riunione della Rete delle Commissioni Nazionali della UNESCO, presieduta dal vice direttore generale per le Relazioni Estere e l’Informazione Pubblica, Sr. Eric Falt.
Durante il dibattito e riferendosi all’importanza che l’Unesco offre all’Africa, l’ambasciatrice  Dulce Buergo Rodríguez, Delegata Permanente dell’Isola di fronte all’organizzazione, ha riaffermato nell’occasione l’impegno e la solidarietà di Cuba con la regione, con i cui paesi è vincolata da legami d’amicizia e cooperazione.
Nelle sue parole è apparso chiaro il legato africanista del leader storico della Rivoluzione Cubana, Fidel Castro, sempre presente nelle attuazioni di Cuba.
Come esempio l’ambasciatrice ha citato la collaborazione con vari paesi africani in materia di salute, sport e di educazione e in particolare nell’ambito dell’Alfabetizzazione, una delle priorità nel settore educativo.
Inoltre ha riferito la celebrazione realizzata a L’Avana nel gennaio scorso della riunione del Comitato Scientifico per la Storia Generale dell’Africa, scenario produttivo di scambio sull’importanza d’ampliare la conoscenza della ricca storia di questi paesi, i cui risultati hanno aperto nuovi spazi di collaborazione in materia culturale ed educativa, per sostenere gli sforzi della Unesco in questa materia. Infine, in una stretta relazione con i vincoli e le profonde radici africane nell’ambito culturale, era stata segnalata la celebrazione nell’Isola  delle Antille del Giorno Internazionale del Jazz, il 30 aprile, un evento memorabile.  
Ringraziando Cuba per il suo appoggio, il vice direttore a sua volta aveva citato la celebrazione della VI Edizione del Giorno Internazionale del Jazz che ha riunito notissime figure del movimento jazzistico internazionale.
L’evento è stato un meritato omaggio alla musica cubana e soprattutto ai suoi artisti, alla politica della Rivoluzione che riconosce nella cultura uno dei pilastri dello sviluppo del paese e del miglioramento dell’essere umano.   
Inoltre è stato un omaggio a ritmo di jazz al 70º anniversario dell’ingresso di Cuba nella Unesco  e la creazione della sua commissione nazionale. (Cubaminrex/Traduzione GM- Granma Int.)