ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Mutuma Ruteere, relatore speciale per le forme contemporanee di discriminazione e xenofobia. Photo: un.org

Esperti della ONU in diritti umani hanno richiamato i governi nel Giorno Internazionale dell’eliminazione della discriminazione razziale  e ad agire contro le campagne d’odio indirizzate contro le minoranze e i migranti, ha informato Prensa Latina.
In una dichiarazione i membri del Comitato per l’Eliminazione della Discriminazione Razziale, il gruppo di lavoro degli esperti sugli afrodiscendenti  e il relatore speciale per le forme contemporanee di discriminazione e xenofobia, Mutuma Ruteere, hanno reclamato  azioni concrete che detengano la paura e la disinformazione su queste persone.
Si dovrebbero adottare misure immediate che includano l’addestramento antirazzista della Polizia e delle autorità giudiziarie, così come lo sradicamento del razzismo istituzionale, hanno avvertito,  a proposito della data che si celebra ogni 21 marzo per mandato dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.
I firmatari hanno criticato i leaders politici e i media della stampa che nel pianeta stigmatizzano certi gruppi etnici, gli emigranti e i rifugiati, etichettandoli come criminali, terroristi o responsabili delle difficoltà economiche.
Vediamo che la catena delle cause e gli effetti si è evidenziata partendo dalla crescente incidenza del razzismo e dei crimini di odio nei paesi dove le minoranze e gli emigranti sono bersagli di una retorica ostile, hanno precisato.
In accordo con gli esperti indipendenti della ONU, corrisponde ai Governi garantire un trattamento da uguali agli esseri umani a prescindere dalla loro razza o orgine. ( Traduzione GM – Granma Int.)