ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

La Paz - Con la partecipazione dei rappresentanti di sette paesi latinoamericani si svolge nella città boliviana di  Cochabamba, il I Incontro Internazionale delle Esperienze nell’Assistenza Primaria  alla salute che terminerà oggi martedì 28.
L’incontro ha l’obiettivo di promuovere lo scambio e il consenso dell’implementazione di iniziative per perfezionare il lavoro del settore.
Partecipa all’appuntamento la direttrice dell’Organizzazione Panamericana della Salute, Carissa F. Etienne, che ha conosciuto  i passi avanti e le sfide della Bolivia e in particolare quelli incorniciati nella politica del governo.
Partecipano  i titolari della salute di Brasile, Costa Rica, Cuba, Ecuador, El Salvador, Nicaragua, Venezuela e del paese anfitrione.
In accordo con la ministra  boliviana, questo primo incontro permetterà di condividere e identificare i problemi più comuni nell’Assistenza Sanitaria in America Latina.
“Sono due giorni di ampio dibattito dai quali speriamo di trarre una  dichiarazione che serva per fomentare questa specialità a livello regionale” ha aggiunto.
Ariana Campero ha sostenuto che la Bolvia  esporrà il progetto *La mia Salute* come una conquista e un riferimento  che  sicuramente susciterà un’analisi nel programma delle discussioni.
Questa iniziativa è stata creata dal governo  del presidente Evo Morales nel 2013 con la consulenza di specialisti cubani e consiste nell’offrire assistenza medica alla popolazione, casa per casa e in maniera gratuita, oltre a rinforzare i centri d’assistenza in differenti regioni.
Attualmente questo programma s’implementa in 306 dei 339 municipi del paese con la partecipazione di  2389 medici e l’abilitazione di  3000 consultori comunitari ( Traduzione GM – Granma Int.)