ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Montevideo - Il VII Incontro Sindacale Nuestra América (ESNA) si è svolto in questa capitale con la partecipazione di circa 300 delegati nazionali e di 30 paesi con l’obiettivo di rinforzare l’unità del movimento operaio.
All’appuntamento, che si è svolto dal 31 marzo al 2 aprile, hanno partecipato organizzazioni sindacali e sociali dei cinque continenti, con l’obiettivo di definire un’unità d’azione per rompere i tentativi d’egemonia del capitalismo a livello mondiale e promuovere lo scambio e la solidarietà internazionale.
L’incontro è stato inaugurato nel tardo pomeriggio di giovedì 31 marzo nel Paraninfo dell’Università della Repubblica e i lavori sono iniziati la mattina di venerdì in tre commissioni, con la partecipazione dell’antiterrorista ed Eroe della Repubblica di Cuba, Ramón Labañino.
I temi centrali di del dibattito sono stati l’aggressione imperialista contro la classe lavoratrice e i popoli, vincolata alla difesa del diritto di sciopero, la criminalizzazione della lotta sociale e i trattati di libero commercio, con l’integrazione sorana dei popoli.
Inoltre è stata analizzata l’indipendenza della classe operaia, con le trasformazioni sociali  e la costruzione di un’alternativa socialista.
Al VII ESNA hanno partecipato delegati delle centrali sindacali messicane, soprattutto del sindacato dei lavoratori dell’elettricità, ad anche di Nicaragua, Panama, Cuba e dei latini negli Stati Uniti, dell’Unione del Quartiere.
Inoltre erano presenti organizzazioni sindacali dell’Africa e dell’Asia, come la Federazione dei Sindacati Cinesi, e le centrali del Giappone, che hanno reso nutrita la partecipazione, ha detto a Prensa Latina Leonardo Batalla, del Coordinamento Politico dell’Incontro Sindacale Nuestra América. ( Traduzione GM - Granma Int.)