ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Elezioni del Parlamento in Venezuela Photo: AVN

Domenica 6 il popolo venezuelano deciderà per la ventesima volta di ratificare o meno la via tracciata e il percorso degli ultimi 16 anni della nostra storia politica.

E non è una cosa qualsiasi la posta in gioco, perché, una delle due, si getteranno via le conquiste sociali, politiche, economiche e culturali reelizzate dirigendosi verso le proposte dell’opposizione o si approfondiranno maggiormente queste conquiste.

È in gioco inoltre, se fosse poco, mantenere lo sforzo integratore di Nuestra America, con la distruzione dei livelli raggiunti con l’ALBA, Unasur e la Celac.

Tutto questo accade in uno scenario continentale e mondiale nel quale il Venezuela ha giocato un ruolo molto attivo nella difesa della sovranità dei nostri popoli sulle loro risorse naturali, che le gigantesche corporazioni che spadroneggiano sull’economia mondiale vogliono controllare.

Se l’opposizione venezuelana già inesorabilmente vincolata alla destra mondiale, vincerà la maggioranza nell’Assemblea Nazionale, si scatenerà un piano destinato a ostacolare l’azione del Governo, impedire lo spiegamento della sua politica sociele ed economica, bloccare l’approvazione del bilancio nazione e trattare di generare una situazione con l’obiettivo di far cadere il presidente Nicolás Maduro. Lo hanno espresso esplicitamente diversi settori dentro e fuori dal paese.

Queste non sono elezioni di routine: è una vera battaglia politica nella quale entrano in gioco poderose forze economiche e politiche e i tentativi di numerosi ex presidenti della destra nella nostra regione, di fronte ai quali la sorte del nostro popolo dipende ancora una volta dalla sua coscienza, dal suo grado d’organizzazione e mobilità.

Nonostante le difficoltà economiche e il loro effetto nella nostra realtà, la maggioranza del nostro popolo ha la certezza che solo con un governo democratico e bolivariano potrà superare qualsiasi ostacolo della natura.

Il trionfo della destra è un ritorno al passato e il nostro popolo andrà avanti verso un futuro di conquiste ispirate dall’esempio sempre vivo del suo Comandante Hugo Chávez e dei bolivariani, guidati dal loro presidente Nicolás

Maduro. (Ambasciatore della Repubblica Bolivariana del Venezuela in Cuba./ traduzione GM - Granma Int.)