ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

3 dicembre 2015

Il Ministero di Salute del Brasile ha confermato il primo caso di morte di una persona contagiata con il virus zika, provocato dalla puntura di una zanzara Aedes aegypti. La morte è avvenuta nel mese di giugno, ma è stato necessario realizzare esami di laboratorio per determinare la causa della morte, rivela un comunicato dell’organismo.

Secondo gli specialisti, la vittima, la cui identità non è stata rivelata, soffriva di lupus, malattia che debilita il sistema immunologico e contraendo lo Zika la sua salute si è aggravata sino alla morte.

Le autorità brasiliane hanno espresso preoccupazione nelle ultime due settimane di novembre per l’incremento dei casi con questa malattia in 18 Stati del Brasile e soprattutto di donne in gravidanza, che hanno partorito bambini con microcefalia

Questa situazione ha provocato un allarme sanitario nazionale, perchè sono stati incontrati 739 presunti malati di microcefalia in tutto il Brasile e 487 si trovano a A Paraíba ci sono 96 casi sospetti di microcefalia, a Sergipe 54, a Rio Grande do Norte 47 –dove c’è stato un morto che dev’essere studiato -, a Piauí 27, ad Alagoas 10, a Ceará nove, a Bahía otto e a Goiás uno.

La microcefalia è una malattia neurologica nella quale la circonferenza della testa è più piccola della media per l’età e il sesso del bambino e può provocare un’ampia varietà di condizioni che provocano una crescita anormale del cervello e sindromi relazionate alle anormalità cromosomiche. (Traduzione GM – Granma Int.)