ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

L’amministrazione del presidente statunitense Barack Obama si trova nella tappa finale di sviluppo di un piano per, in maniera sicura e responsabile, chiudere la prigione terrorista nella baia di Guantánamo, ha detto alcuni giorni fa Josh Earnest, il portavoce della Casa Bianca.

"Questa è una cosa a cui i nostri ufficiali di sicurezza nazionale stanno lavorando da un tempo considerevole", ha affermato Earnest. Il portavoce ha così risposto ad una domanda a proposito di un articolo pubblicato dal quotidiano The New York Times che sosteneva che lo sforzo per chiudere la prigione, una del promesse fatte nel 2009 da Obama quando fu eletto presidente, stava in collasso di nuovo.

Qualsiasi piano dovrà ricevere l’approvazione del Congresso che ha posto ostacoli significativi per quel che si riferisce al trasferimento dei rei fuori dalla prigione.

La Base Navale della Baia di Guantánamo, nota anche come 'Gitmo', si trova nel sudest di Cuba.

Dal 1903, gli Stati Uniti hanno “preso in affitto” questo territorio, per il quale pagano circa 4.085 dollari l’anno, anche se l’ultima volta che Cuba ha accettato il denaro è stato nel 1959.

(Traduzione GM – Granma Int.)