ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Il presidente Rafael Correa ha risaltato l’appoggio popolare al suo Governo nonostante la compagna orchestrata di settori dell’opposizione da varie settimane.

Il presidente, nella sua relazione settimanale trasmessa da radio e televisione, ha affermato, parlando dalla provincia costiera di Manabí, che il sostegno alla Rivoluzione Cittadina raggiunge il 65%.

“E cresciamo!”, ha assicurato Correa, che si è mostrato fiducioso, dicendo che presto si supererà l’80%, come avvenne al principio della sua gestione, ha riportato PL.

Secondo Correa il sostegno aumenta mano a mano che i cittadini si rendono conto della manipolazione dell’opposizione a proposito dei progetti di legge sulle eredità e il plusvalore.

“Si rendono conto d’essere stati utilizzati”, ha assicurato Correa, che ha riferito che nessuno dei detrattori ha dimostrato sinora che le misure usate come pretesti per convocare la protesta danneggeranno i poveri o la classe media, Correa sostiene che con l’eventuale incremento delle imposte sulle eredità e il plusvalore, quello che si cerca è una migliore distribuzione della ricchezza per far terminare la speculazione delle terre. Con le due disposizioni si danneggerebbe al massimo il 2% più ricco della popolazione.

“Che continuino a gridare Fuori Correa, fuori... resteranno afoni e nel 2017 li vinceremo di nuovo”, ha predetto citando le elezioni presidenziali previste tra due anni. (Traduzione GM - Granma Int.)