ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Il primo Forum dell’infrastruttura della Comunità degli Stati Latinoamericani e dei Caraibi (CELAC) e la Cina è stato definito storico e inedito dagli specialisti.

L’incontro che si è svolto di recente nella regione amministrativa speciale cinese di Macao, ha aperto una nuova era nella relazione bi-regionale, hanno detto i partecipanti.

Un comunicato emesso dall’ambasciata in Cina dell‘Ecuador, il paese che ha la presidenza pro tempore nel 2015 della CELAC, ha riferito che il ministro coordinatore dei settori strategici, Rafael Poveda, ha messo in risalto i passi avanti economici e sociali che i territori membri della regione hanno realizzato negli ultimi anni, trasformando l’America Latina nella zona con più potenzialità per gli investimenti e i finanziamenti provenienti dal paese gigante dell’Asia.

Le delegazioni presenti all’incontro di due giorni hanno segnalato l’importanza del Forum ed hanno coinciso sulla necessità di contare su un portafoglio di progetti in questa materia.

“Il primo Forum CELAC-Cina dell’infrastruttura è stato un successo non solo per il livello dei partecipanti e i progetti presentati, il finanziamento esistente della controparte cinese e il lavoro congiunto realizzato dai paesi membri del blocco, ma anche perchè è stato l’inizio di una nuova relazione in questo aspetto” ha sostenuto Leonardo Arízaga, ambasciatore ecuadoriano, vice cancelliere e coordinatore Nazionale della Presidenza pro tempore della CELAC che ha fatto un’analisi della relazione bi-regionale, dei precedenti e del contenuto del piano di cooperazione CELAC-Cina 2015-2019.

A questo Forum ne seguiranno altri due durante la presidenza pro tempore dell’Ecuador: uno di Scienza e Tecnologia a Quito nel settembre prossimo e un secondo in Energia, sempre a Quito, nel terzo trimestre.

( Traduzione GM – Granma Int.)