ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

L’attrice Angelina Jolie ha portato nella ONU la voce dei rifugiati siriani e ha chiesto alla comunità internazionale “di superare la sua incapacità e l’indecisione” per far terminare una guerra che ha già provocato la morte di almeno 200000 persone.

Angelina Jolie, inviata speciale dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati (ACNUR), si è seduta al tavolo del Consiglio di Sicurezza della ONU per, tra le altre cose, invitare i suoi rappresentanti a visitare gli accampamenti dei rifugiati della Siria.

“Questi rifugiati non possono venire al Consiglio, così per favore, andiamo noi da loro”, ha aggiunto l’attrice che negli ultimi anni ha visitato in undici occasioni gli accampamenti dei rifugiati in Iraq, Giordania, Libano, Turchia e Malta.

La sessione guidata del ministro giordano degli Esteri, Nasser Judeh, è servita per rivedere la situazione del conflitto armato esploso al calore della detta “primavera araba”, nel 2011, e che ha provocato 4 milioni di rifugiati e 7.6 milioni di sfollati interni. (Traduzione GM - Granma Int.)