ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Photo: AIN

Il presidente Raúl Castro Ruz si è seduto vicino ad un amico, Rafael Correa, dell’Ecuador, occupando il posto sino ad ora negato a Cuba, che l’energico e unanime reclamo dell’America Latina e dei Caraibi le ha restituito e che costituisce senza dubbio una vittoria dell’unità, la solidarietà, la ragione e la giustizia.

Ban Ki-moon, segretario generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), ha definito un successo che, per la prima volta siano riuniti i 35 paesi dell’emisfero ed ha salutato la presenza di Cuba come un desiderio di lunga data espresso dai presidenti della regione e finalmente reso realtà.

Inoltre si è congratulato per la storica decisione adottata dai presidenti di Cuba, Raúl Castro, e degli USA, Barack Obama, d’iniziare negoziati per il ristabilimento dei vincoli diplomatici in accordo con la Carta della ONU che promuove le relazioni tra gli Stati.

Con uguale soddisfazione Ban Ki-moon ha fatto allusione al processo di pace che vive la Colombia, ai dialoghi in marcia a L’Avana tra il governo di questo paese sudamericano e le forze insorgenti, per realizzare questo proposito. Il messaggio “di vicinanza e incoraggiamento” inviato da Sua Santità, il Papa Francisco, al presidente anfitrione, Juan Carlos Varela, e a tutti i capi di Stato e di Governo e alle delegazioni che partecipano al Vertice, è stato accolto con un caldo applauso.

Nel suo messaggio il Papa afferma d’essere in sintonia con il tema scelto per questa edizione del vertice, “Prosperità con equità, la sfida della cooperazione nelle Americhe” ed ha aggiunto d’essere convinto che l’iniquità e l’ingiusta distribuzione delle risorse e delle ricchezze è fonte di conflitti e di violenza tra i popoli.

La sfida del mondo è la globalizzazione della solidarietà e della fraternità al posto della globalizzazione della discriminazione e l’indifferenza e sino a che non si realizzerà una distribuzione equa della ricchezza non si risolveranno i mali della nostra società, ha scritto ancora il Pontefice nel suo messaggio.

Il Presidente della Repubblica di Panama, Juan Carlos Varela, che ha salutato uno a uno i capi di Stato e di Governo e le delegazioni al loro arrivo nel Centro delle Convenzioni ATLAPA, ha poi pronunciato un discorso nel quale ha dato il Benvenuto ufficiale ai partecipanti e ha espresso voti per una riunione che permetta di avanzare nei propositi d’integrazione e cooperazione. (Traduzione GM Granma Int.)