ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Uno degli ultimi  rinoceronti bianchi del nord, un maschio nato nel 1980 nello zoo ceco di Dvur Kralove, poi trasferito in Kenia, è morto nella riserva di Ol Pejeta, in questo paese africano, ha indicato lo stesso giardino zoologico.

“Suni probabilmente era  l’ultimo rinoceronte bianco del nord(“Ceratotherium simum cottoni”) capace di reprodursi biologicamente”, ha lamentato lo zoo di Dvur Kralove, aggiungendo che tutto indica che Suni è morto di morte naturale.

I cacciatori di frodo hanno decimato questi rinoceronti  originari dell’Africa centrale e orientale per prendere il corno molto apprezzato nella farmacopea dei paesi asiatici.

“Tutto sembra indicare che la  riproduzione per via naturale ha smesso d’essere una realtà”, ha dichiarato al portavoce dello zoo ceco, Jana Mysliveckova.

Questo giardino zoologico è il solo al mondo che ha ottenuto la riproduzione in cattività di questa specie. Il rinoceronte appena morto, Suni, era nato a Dvur Kralove nel giugno del 1980. Altri tre erano nati nelle stesse condizioni e nello stesso zoo.

Nel 2008 due maschi – includendo Suni - e due femmine, erano stati trasportati in Kenia, nella cornice di un progetto chiamato “Ultima possibilità di sopravvivenza”, con la speranza che il livello d’ormoni delle femmine tornasse normale nel loro ambiente naturale,  permettendo la riproduzione biologica, ma questo non è avvenuto.

Tutti gli altri tentativi per realizzare una riproduzione assistita, sono falliti sino ad oggi. Il seme dei rinoceronte maschi di Dvur Kralove si conserva nell’istituto di Berlino delle investigazioni sugli animali selvaggi (IZW).

“La quantità di rinoceronti uccisi dai cacciatori di frodo è aumentata incredibilmente negli ultimi anni e stando a certe ipotesi non esisteranno più rinoceronti liberi nella natura, in Africa, in dieci anni”, ha stimato la Mysliveckova. (AFP/ Traduzione GM - Granma Int.)