ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Photo: Endrys Correa Vaillant

Il poeta e saggista Roberto Fernández Retamar considera come uno dei più grandi onori ricevuti nella vita, l’aver ottenuto il  Premio Internazionale José Martí che gli ha appena assegnato la Unesco, dopo la deliberazione di una giuria che  ha riconosciuto  al prestigioso intellettuale il suo impegno  per difendere «la giustizia, la protezione dei bambini, lo sviluppo etico dei popoli, il riconoscimento della dignità dell’uomo e la donna e l’importanza di combattere il razzismo ».
Profondamente emozionato, Retamar ha commentato a Granma che la distinzione lo onora straordinariamente per «essere il primo cubano che la riceve e perché procede da un’istituzione come la Unesco – un vera oasi nel mondo – della quale Martí sarebbe stato molto orgoglioso Altri elementi del testo che hanno motivato il premio sono il suo lavoro come  «Presidente da quattro decenni  dell’istituzione culturale Casa de las Américas», nella quale ha contribuito in maniera  «permanente, da questo prestigioso centro, alla promozione  della pace, la solidarietà, i diritti umani e l’uguaglianza tra  le nazioni dell’America Latina e i Caraibi » tutti elementi considerati per la consegna del Premio.
Ratamar, instancabile studioso - tra i molti impegni  della sua vita, dell’opera del più universale dei cubani e  diffusore dei suoi elementari valori riceverà il prestigioso premio durante la IV Conferenza Internazionale /Per l’Equilibrio del mondo/ che si realizzerà da 28 al 31 gennaio, nel Palazzo delle Convenzioni a L’Avana.  (GM – Granma Int.)