ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Premio al Miglior stand a moduli dell’Istituto Confucio dell’Università de l’Avana (Cuba). Ha consegnato il premio María Elena Salgado, prima viceministro di Cultura. Photo: Ariel Cecilio Lemus.

La presenza di 445.000 visitatori nella 27ª edizione della Fiera Internazionale del Libro de L’Avana – cifra superiore di 29.000 persone a quelle che parteciparono nel 2017 – è un dato convincente per ratificare che il popolo della capitale scommette sull’allegra e la cultura.

Juan Rodríguez Cabrera, presidente del comitato organizzatore della Fiera, lo ha sostenuto nel suo discorso di chiusura della tappa della capitale, nella sala Nicolás Guillén de La Cabaña, dove erano presenti  María Elena Salgado Cabrera, prima viceministro di Cultura; Chen Xi, ambasciatore della Cina in Cuba, e Sonia Almaguer, direttrice della Fiera, con molti prestigiosi intellettuali Rodríguez ha elogiato la realizzazione di 2690 azioni letterarie, tra le quali quelle svolte nelle 22 altre sedi sparse nella capitale. Ha segnalato inoltre in modo speciale il progetto Cubadigital, creato soprattutto per bambini e giovani, nel quale sono stati scaricati gratuitamente mille libri, opere musicali e audiovisivi.

«Il successo culturale che ha contato con la partecipazione di 463 rappresentanti di 43 paesi, ha permesso l’acquisto di 353.0000 volumi superando di 52.000 le vendite dell’anno scorso nella stessa tappa .

Tutto questo non significa una soddisfazione piena delle aspirazioni e delle necessità dei lettori però», ha spiegato Rodríguez, che ha ricordato la continuità, tra qualche giorno, della Fiera in altre 15 sedi in tutto il paese, per concludersi il 13 maggio a Santiago de Cuba.

Chen Xi, ha fatto i suoi complimenti ai partecipanti per il successo della Fiera ed ha ringraziato ancora una volta per l’invito che ha permesso al suo paese di partecipare per la prima volta a una manifestazione di questo tipo in America Latina, ed ha ricordato che l’ambiente è stato il migliore per la firma di dieci accordi di collaborazione reciproca.

Durante la cerimonia sono stati offerti vari riconoscimenti, tra i quali uno speciale alla sala del Paese Invitato d’Onore - la Cina - per la bellezza e la razionalità del suo montaggio.

Il premio al migliore stand non modulare è andato al Centro Provinciale del Libro e la Letteratura di Pinar del Río (Cuba) e quello di miglior stand modulare all’Istituto Confucio dell’Università de L’Avana. Habana.

Il Gran Premio lo hanno condiviso le Ediciones Boloña, per un disegno di eccellenza, eleganza e semplicità che ha permesso di mostrare in maniera speciale l’opera di Eusebio Leal, tra le altre ragioni, con Ediciones Aurelia Internacional S.A. per la creatività del suo disegno.( Traduzione GM – Granma Int.)