ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

La presenza della Repubblica Popolare Cinese alla 27ª Fiera Internazionale del Libro de L’Avana – che si svolgerà dal 1º al 11 febbraio, per terminare il 13  maggio a Santiago di Cuba– non significa solo essere il Paese Invitato d’Onore ma è  anche l’opportunità di partecipare per la prima volta in queste condizioni dentro l’area,  occasione  pertinente per rinforzate lo scambio editoriale  culturale tra i due paesi e per estensione con l’ America Latina.
In una conferenza stampa,  Yao Fei, consigliere  politico dell’ Ambasciata della
RPCH, ha parlato della partecipazione della Cina alla Fiera.
Il funzionario si è riferito a diversi obiettivi tra i quali quello di esporre il successo dello sviluppo dell’industria editoriale nel nuovo secolo e mostrerà ai partecipanti i passi avanti che ha fatto il paese asiatico nello sviluppo e la promozione della cultura.
Ha parlato di usare in questo contesto il ibro come mezzo per raccontare le storie della Cina, e diffondere la sua voce nel mondo, così come per approfondire la profonda amicizia che ha legato i due popoli durante tanti anni.
Nella Fortezza di San Carlos de La Cabaña, sede principale della Fiera, il Padiglione della Cina sarà ubicato nel Salone A (11 y 12).
L’esposizione di diverse case editrici e le mostre con più di 3000 tipi di libri cinesi in spagnolo, inglese e cinese, coprirà circa 400 metri quadrati e si terranno presentazioni, incontri e vendite di libri - 320 titoli in spagnolo e in inglese.
Lo spazio sarà identificato con il Sigillo Cinese mentre con il lemma “Leggere la Cina” si svolgeranno attività di scambi professionale e culturale e la firma di accordi sul diritto d’edizione.
Un vasto  programma culturale sosterrà la festa delle lettere.
Le arti del paese asiatico saranno in vista in diverse esposizioni. Non mancherà l’opportunità per apprezzare la storia di questa grande invenzione che è la stampa, nata anticamente in Cina, che pose ai piedi del mondo una delle  cose più ingegnose della creazione umana.  
 Facendo coincidere la Feria con l’Anno Lunare o Anno Nuovo Cinese, una delle tradizioni più importanti della regione asiatica, la Cina avrà a L’Avana la sua Festa della Primavera, come si chiama ugualmente, che si festeggerà in veglie culturali il 2 e 3 febbraio nel Gran Teatro de La Habana Alicia Alonso. ( Traduzione GM – Granma int.)