ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Letture pubbliche, seminari di creazione e scambi di esperienze tra i poeti di Cuba e degli USA dimostreranno nei prossimi giorni che dalla cultura è possibile superare i limiti d’una politica contraria all’intesa tra i popoli, come quella appena proclamata a Miami dal Presidente nordamericano Trump.
Dal 9 al 15 luglio, una dozzina di poeti provenienti dagli Stati Uniti parteciperanno alle giornate a L’Avana del Festival Mondiale di Poesia Itinerante Nuestra America.
Questa presenza, confermata da  Alex Pausides, presidente dell’Associazione degli Scrittori della Uneac e del Festival di Poesia de L’Avana,  rappresenterà l’altra faccia di un’ossessione: mentre Trump insiste, come ha fatto pochi giorni fa in un miting in Iowa, nel difendere la sua aggressività e insostenibile politica anticubana, prestigiosi voci liriche del suo paese porteranno messaggi a favore della pace e la concordia.
Laureato con i premi Nazionale del Libro (2007), Pulitzer )2008) e Wallace Stevens (2014), Robert Hass  guida il gruppo dei visitatori e tutelerà un seminario di scrittura creativa martedì 11 e giovedì  13 nella sede del centro culturale Cubapoesía.
Mercoledì 12, leggerà  i suoi versi nella Casa de las Amèricas con Roberto Fernández Retamar, Nancy Morejón e il brasiliano Narlan Matos Texeira.
Hass (1941) è considerato uno dei più influenti e letti poeti statunitensi di questa epoca nell’ultimo decennio del secolo scorso, ha pubblicato settimanalmente una colonna su temi letterari nel quotidiano The Washington Post e lo si riconosce  come un eminente attivista nelle lotte per l’ambiente.
Lo accompagnerà sua moglie Brenda Hillman,  nota poetessa e impegnata attivista contro le corse agli armamenti e la degradazione dell’ ambiente umano.
Altri famosi scrittori nordamericani come Jane Mead, Claudia Keelan e Jane Hirshfiled, le cui collezioni di versi sono state favorevolmente accolte dai lettori e dalla critica, hanno risposto alla convocazione di realizzare uno spazio di convivenza cordiale, per arricchirsi reciprocamente.
Pausides  ha informato sulla numerosa partecipazione di poeti cubani di varie generazioni a manifestazioni che si svolgeranno nella sede della Uneac, la Casa della Poesia  ne L’Avana vecchia e il Centro Dulce María Loynaz. A loro si sommeranno colleghi d’Argentina, Slovenia, Nepal, Perù, Cile, Colombia, Ecuador, Messico e Brasile.
Questa agenda rientra nella cornice del Primo Festival Mondiale Itinerante di Poesia di Nuestra America che si svolgerà simultaneamente nel mese di luglio in 20 città del continente.
I promotori  l’hanno lanciato l’anno scorso a Medellín  attraverso la Rete dei Festivals di Poesia  mettendo enfasi nel «contribuire a rinforzare e rinnovare lo spirito d’unità, integrazione culturale ed emancipazione dei popoli dell’America Latina e dei Caraibi. (Traduzione GM - Granma Int.)