ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Photo: Internet

I bambini cubani lanceranno i loro aquiloni dalla Fortezza de La Cabaña sabato 18 per reclamare la fine del blocco degli Stati Uniti contro Cuba, come chiusura delle attività della 26ª Fiera Internazionale del Libro de La Habana che vogliono creare la coscienza nel mondo sulla necessità d’eliminare la politica d’aggressione che si mantiene da più di mezzo secolo.

Photo: Internet

Il comitato organizzatore della FIL ha informato che il Festival degli Aquiloni nella spianata che precede il complesso Morro Cabaña sarà accompagnato da azioni simili in altri punti della città, dove si vedranno aquiloni azzurri bianchi e rossi con le scritte #NoMásBloqueoy #UnBlockCuba.

Per decenni Cuba e la comunità internazionale hanno reclamato l’eliminazione totale di una politica che è di lesa cultura.

Il mondo letterario si somma ancora una volta a questa esigenza, hanno aggiunto gli organizzatori in una conferenza stampa nel Pabellón Cuba di questa capitale.

In questa edizione della Feria del Libro, il più importante evento del suo tipo in Cuba, si presentano varie novità editoriali sulle relazioni tra L’Avana e Washington.

La casa editrice Editora Politica porta una raccolta di Luis Suárez Salazar intitolata *Fidel Castro Ruz. La crisi dell’América Latina, diagnosi e

Soluzioni*, che raccoglie il pensiero del leader storico della Rivoluzione su differenti problemi della regione e in particolare sui vincoli con gli Stati Uniti.

La casa editrice Ciencias Sociales, presenta titoli come *El sistema financiero de los Estados Unidos*, di Francisco Soberón Valdéz; *El espectáculo electoral más costoso del mundo*, di Ramón Sánchez Parodi, e *Cuba y los cubano americanos. El fenómeno migratorio cubano*, di Jesús Arboleya Cervera.

Sempre di Ciencias Sociales *Lo que yace a través del mar. La verdadera historia de los Cinco cubanos*, dell’investigatore canadese Stephen Kimber.

Le azioni contro il blocco sommano le volontà di diverse organizzazioni e situazioni, tra le quali l’Unione dei Giovani Comunisti, l’Organizzazione dei Pionieri José Martí, l’Istituto Cubano del Libro, il Ministero delle Relazioni Estere.

Il viceministro di Cultura, Fernado Rojas ha partecipato alla presentazione delle attività contro il blocco nella FIL. Photo: Cortesía del autor