ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
L’edizione di lusso Soy Santiago, è stata presentata durante la chiusura della Fiera del Libro. Photo: Eduardo Palomares

Santiago di Cuba – L’edizione di 25 titoli di e su Fidel, in occasione del suo 90º compleanno è stata definita un regalo speciale per tutto il nostro popolo, da Zuleica Romay Guerra, presidente dell’Istituto Cubano del Libro, durante la chiusura in questa città della 25ª Fiera del Libro, che è stata realizzata in tutta l’Isola.

Considerato ugualmente un omaggio del sistema editoriale cubano al Comandante in Capo, il progetto previsto dall’inizio di questa festa della lettura e la letteratura sino alla fine dell’anno da varie case editrici, sarà molto più visibile mediante un un programma di presentazioni concepito per il secondo semestre dell’anno.

Zuleica Romay Guerra ha detto che con il compleanno del leader della Rivoluzione, il centenario dello scrittore di Santiago José Soler Puig e il 130º anniversario dell’abolizione della schiavitù sono state alcune motivazioni centrali di un avvenimento che ha mostrato in 26 città la sua miglior organizzazione e disegno in generale.

Nel bilancio che si realizza qui ogni anno, Romay ha detto d’aver contato le 522 novità editoriali, con 2.563.337 volumi e altri progetti, tra i quali quelli dedicati ad accompagnare il sistema d’educazione, per far sì che in tutte le scuole i bambini apprendano giocando e divertendosi. Il totale è stato minore delle edizioni precedenti.

Originata da quello che ha chiamato “tensioni di produzione”, ha aggiunto che la riduzione rispetto all’anno scorso ha fatto sì che per la prima volta nelle ultime 15 edizioni non si è raggiunto il milione di volumi venduti, anche se, nonostante la pioggia in non poche giornate, è stato registrato un totale di 1.988000 visitatori.

Territorialmente si apprezzano esperienze dopo la possibilità di scegliere la data più conveniente, con Sancti Spiritus con più vendite dell’anno scorso, la crescita in

Cienfuegos e Pinar del Río, e il preciso disegno degli spazi fieristici a Santiago di Cuba, Holguín, Villa Clara e Pinar del Río.

Valutando il principale avvenimento culturale cubano, il ministro di Cultura, Julián González Toledo, ha riconosciuto lo sforzo dei lavoratori delle case editrici e delle istituzioni del settore per la realizzazione di diverse manifestazioni artistiche in una vera festa di questa ricreazione sana, sostenuta dal 7º Congresso del Partito.

La giornata santiaghera ha riservato la presentazione dei libri *De la pérdida del safari a la jungla*, di Lina de Feria, e di *Iwé Olumo Yono*, *Libro de las descargas*, de Rogelio Martínez Furé, con la presenza di questi autori ai quali è stata dedicata la Fiera, assieme alla Repubblica Orientale dell’Uruguay, come paese invitato d’onore.

Con la presenza dei membri del Comitato Centrale Lázaro Expósito e Reinaldo García, massimi dirigenti del Partito e del governo nella provincia, rispettivamente, è stato presentato il testo *Soy Santiago,* nell’edizione di lusso di circa 400 pagine, con lo stesso numero di immagini coordinate dal dottor Vicente González, che rappresenta un omaggio alla città nei suoi 5oo anni.

Durante la chiusura effettuata in Plaza de la Revolución Mayor General

Antonio Maceo, è stato comunicato, come nella chiusura della Fiera a Santi

Spíritus, Artemisa, e nel municipio speciale Isola della Gioventù, che gli autori e il paese invitato d’onore al quali sarà dedicata l’edizione del 2017, verranno resi noti prossimamente a L’Avana. (Traduzione GM – Granma Int.)