ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Photo: Juvenal Balá

Oggi L’Avana è la capitale dell’integrazione, l’unità e la capacità di concertazione, con rappresentanti d’alto livello dei dieci paesi che formano l’Alleanza Bolivariana dei Popoli di Nuestra America, Trattato del Commercio dei Popoli, riuniti nel suo Vertice nel Palazzo delle Convenzioni.

Il Presidente cubano, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha espresso nel suo account di Twitter, a proposito di questa storica riunione: «Ratifichiamo la nostra volontà per consolidare l’integrazione latino americana e caraibica».

In una recente dichiarazione a PL, il segretario generale del blocco, David Choquehuanca, ha segnalato che l’ALBA «è importante in un contesto in cui forze oscure vogliono il ritorno del neocolonialismo, perché nel nostro continente la divisione è giunta con la colonia, assieme al razzismo, la cultura della divisione e la guerra».

Il segretario generale del meccanismo regionale, David Choquehuanca, lo ha detto in un’intervista rilasciata a Prensa Latina.

Il XVI Vertice dei Capi di Stato e di Governo sarà il luogo in cui i rappresentanti delle organizzazioni ricorderanno il momento della fondazione dell’ALBA, il 14 dicembre del 2004 e i suoi due creatori: Fidel Castro e Hugo Chávez.

Choquehuanca ha detto :«Due fratelli«Due fratelli con grandi visioni, straordinari, in un incontro decisero di costruire uno spazio d’integrazione inedito che comprendesse tutti i temi, non solo il commercio, e che costruisse unità, fraternità, speranza e pace».
Il Presidente cubano, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha ratificato nel suo account in Twitter la volontà della parte cubana di consolidare l’integrazione latino americana e caraibica.

Questo Vertice avviene in un contesto difficile per i movimenti progressisti di Nuestra America.

Nel mese di novembre scorso si è svolta a Managua, la capitale del Nicaragua, la XVII Sessione del Consiglio Politico del Blocco in cui si è reiterato l’impegno con l’unità latinoamericana e caraibica e si è riaffermata la necessità di rinforzare l’unità nella diversità.
Lì si è accordato di realizzare questo nuovo appuntamento a L’Avana, luogo emblematico per l’unità latinoamericana dove si firmò il 29 gennaio del 2014 durante il II Vertice della CELAC,  il proclama dell’America Latina e i

Caraibi come Zona di Pace, i cui postulati sono oggi più necessari che mai.

(Redazione Internazionale/ GM – Granma Int.)