ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Il Governo cubano stimola il processo di recupero Photo: Estudio Revolución

La ministro di Scienza, Tecnologia e Ambiente, Elba Rosa Pérez Montoya, parlando dei danni provocati dalla tormenta tropicale Alberto, ha riferito che sino ad ora si ha solo una valutazione preliminare, anche se è sono stati constatati il deterioramento della qualità delle acque, gli smottamenti dei terreni, l’erosione dei suoli e la scomparsa quasi totale di sei zone di spiaggia a Villa Clara.

Poi ha segnalato che le analisi dei pronostici per la settimana in corso avvisano che continueranno le piogge sul territorio nazionale, per cui si deve continuare ad adottare le misure corrispondenti per affrontare questo fenomeno, data la saturazione dei suoli.

Il primo viceministro dell’Agricoltura, Julio García Pérez, ha assicurato che si continua a raccogliere e immagazzinare la produzione e che la si porta direttamente ai mercati per la vendita alla popolazione.

Inoltre si segue il riso maturo che resta nei campi, come il tabacco. Ha poi reiterato che sono state consegnate le sementi e il fertilizzante ai territori, perchè possano iniziare il recupero.

A proposito dei danni alle ferrovie , Adel Yzquierdo Rodríguez, ministro del Trasporto, ha spiegato che ci sono ancora alcuni problemi sia nella linea nord che in quella a sud, dove si eseguono lavori di riparazione assieme al Ministero della Costruzione.

Il ministro di Salute Pubblica, Roberto Morales Ojeda, ha insistito sul fatto che sono state rinforzate le misure igienico-epidemiologiche in tutte le zone colpite, con speciale attenzione al municipio Ciénaga de Zapata, dove ci sono ancora zone inondate.

Ugualmente ha richiamato l’attenzione sull’urgenza d non tralasciare queste misure d’ora in avanti, data la complessità dei prossimi mesi per quel che riguarda le piogge.

La presidente dell’Istituto Nazionale delle Risorse Idrauliche, Inés María Chapman Waugh, ha informato che i bacini si trovano al 84,4 % della loro capacità e alcuni versano acqua nelle provincie di Villa Clara, Cienfuegos e Sancti Spíritus. poi ha dettagliato che tutti i sitemi di rifornimento di acqua sono stati riparati ad accezione della Ciénaga de Zapata.

Il titolare della Costruzione, René Mesa Villafaña, ha informato che più di 9000 lavoratori del settore e più di 4000 macchine d’ingegneria e del trasporto intervengono nei lavori di recupero delle opere idrauliche e delle strade.

In maniera preliminare sino ad oggi si conteggiano 10.000 case danneggiate.

Ha insistito che i territori utilizzino le forze e i mezzi lì localizzati così come la produzione locale dei materiali che sono elementi che si possono utilizzare immediatamente. (GM – Granma Int.)