ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Photo: Estudio Revolución

Per arrivare al 500º aniversario della fondazione della Villa de San
Cristóbal de La Habana, (L’Avana) che si  celebrerà il 16 novembre del  2019, con una città più bella e ordinata, è stato elaborato un ampio programma che copre i 15 municipi della provincia e vuole trasformare la data in uno degli avvenimenti più rilevanti  nel prossimo anno.
Indirizzato fondamentalmente allo sviluppo economico e sociale della città, così come a rafforzare l’identità, la conoscenza della sua storia e l’amore dei suoi abitanti, il programma è iniziato nel 2017 e da allora sono state eseguite le più svariate opere di alto impatto sociale che hanno risolto in parte i problemi   accumulati durante anni nelle comunità e nei quartieri de L’Avana.
Questo e altri temi sono stati analizzati di recente in una riunione guidata da
Miguel Díaz-Canel Bermúdez, presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri con il Gruppo Governativo d’appoggio alla capitale, creato nel 2012 grazie a un accorodo del Consiglio dei Ministri e del titolare di Economia e Pianificazione, Ricardo Cabrisas Ruiz, per appoggiare il compimento delle attività economiche e sociali che corrispondono alle entità presenti nella provincia de L’Avana.

Abbiamo ragioni sufficienti per sentirci motivati a lavorare per il 500º anniversario de L’Avana. Photo: Estudio Revolución


Reynaldo García Zapata, presidente dell’Assemblea Provinciale del Potere
Popolare, ha fatto un riassunto dei compiti che occupano il gruppo governativo  in questi momenti, e tra questi ha segnalato l’importazione di pezzi per la riparazione degli ascensori e dei camion per la raccolta della spazzatura, il recupero e la manutenzione dei giochi nei parchi per bambini, l’installazione dell’illuminazione LED nei parchi della città e l’incorporazione di camion con tecnologie moderne per la riparazione delle strade.
A proposito della raccolta  dei rifiuti solidi, García Zapata ha informato che nella capitale sono necessari circa 12.000 cassonetti, dei quali 7000 sono di produzione nazionale e il resto è in processo d’importazione.
Questo per alleviare il sensibile tema della spazzatura nella capitale.
A questo punto è stato fatto un richiamo per incrementare la cura di questi contenitori.

Gli studenti universitari della capitale hanno realizzato magnifiche proposte per arricchire il programma per il 500º anniversario. Photo: Estudio Revolución


Il  Presidente dell’Assemblea Provinciale del Potere Popolare ha realizzato una dettagliata esposizione del programma per il mezzo millennio della città, la cui premessa fondamentale è giungere con la rianimazione sino al quartiere e che il popolo vi partecipi attivamente.
«La celebrazione – ha detto – non è riservata agli avaneri, perchè questa è la capitale di tutti i cubani».
Poi ha enumerato le opere alle quali si lavora: ospedali, musei, scuole, istituzioni sportive, case, parchi, cimiteri, pompe funebri, case di cultura, centri di gastronomia, fermate di autobus, mercati agricoli, circoli sociali, biblioteche e la riparazione delle condutture idrauliche e delle strade.
Il funzionario ha segnalato che la rianimazione della città continuerà dando priorità ai piani derivati dai processi di resa dei conti del delegato a suoi elettori. Inoltre ha precisato che gli organismi devono vegliare per l’immagine dei loro stabilimenti nelle arterie principali della città per trasformarli e ottenere una bellezza all’altezza dell’avvenimento.
Ugualmente, ha insistito che il miglioramento delle installazioni deve andare di pari passo  con la qualità  e il buon trattamento nei servizi che si offrono alla popolazione.
Ricardo Cabrisas Ruiz ha reiterato la necessità che gli avaneri visitino la città e veglino per la cura dell’ambiente.  Va inclusa nei piani delle entità la manutenzione delle opere per non retrocedere in quello che con grande sforzo si sta facendo per fare più bella L’Avana.
Mercedes López Acea, prima segretaria del Comitato Provinciale del Partito, ha commentato che le opere che si stanno eseguendo sono indirizzate a risolvere problemi sensibili dclla popolazione che in molti casi si sommano a lavori volontari per terminarle, ed ha segnalato la motivazione e l’impegno mostrati dagli studenti universitari della capitale che hanno realizzato magnifiche proposte per arricchire il programma per il 500º anniversario.
Il Presidente cubano Miguel Díaz-Canel Bermúdez ha sottolineato che in queste azioni si sta concretando la priorità pianificata dal  Generale d’Esercito Raúl Castro Ruz, per l’esistenza di un piano di governo indirizzato alla capitale, perchè i suoi problemi superano l’ambito provinciale e si devono risolvere con l’aiuto di tutti gli organismi dell’amministrazione centrale dello Stato ed ha segnalato che questo si deve trasformare in un metodo di lavoro permanente e non solo per la vicinanza dell’anniversario della Città.
Poi ha convocato i presenti a determinare con chiarezza quali sono le attività in cui la partecipazione della popolazione è fondamentale, impegnando maggiormente gli avaneri alla rivitalizzazione della loro città.  
«Abbiamo ragioni sufficienti per impegnarci a lavorare per il 500º anniversario de L’Avana», ha concluso ( GM – Granma Int.)