ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
L’addio al Dr. in Scienze Adolfo Rodríguez Nodals. Photo: Juvenal Balán

La veglia funebre del Dr. in Scienze Adolfo Rodríguez Nodals, direttore generale dell’Istituto delle Investigazioni sui tuberi tropicali e capo del Gruppo Nazionale dell’Agricoltura urbana, suburbana e familiare, si è svolta nel cimitero di Colón, nel Pantheon dei Combattenti della Rivoluzione, ubicato in quello della Associazione dei Venditori di Viveri de L’Avana.
Il Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Generale d’Esercito Raúl Castro ha inviato una corona di fiori.
Era presente alla veglia il ministro dell’Agricoltura, Gustavo Luis Rodríguez Rollero e il Dr. Nelso Companioni Concepción ha pronunciato un discorso di commiato.
Il Dottore in Scienze Adolfo Rodríguez Nodals, ingegnere agronomo e capo del Gruppo Nazionale dell’Agricoltura Urbana, è morto a L’Avana sabato 5, a 72 anni  ed è stato seppellito nel cimitero di Colón.
«Ancora non crediamo a questa terribile notizia», ha assicurato a Granma Ramiro Chirolded Cepero, amico d’infanzia di chi era stato anche direttore  del’Istituto d’Investigazioni Fondamentali  dell’Agricoltura Tropicale (Inifat), a Santiago de las Vegas.
«Sin da bambino ispirava rispetto e ammirazione, era stato mio professore di biochimica nell’università, anche se aveva solo tre anni più di me!
La sua morte inattesa è dolorosa», ha commentato  Ramiro Chirolded durante la veglia funebre nel Pantheon dell’Associazione dei Venditori di Víveri de L’Avana, nel cimitero di Colón.
Per la Dott, in Scienze Agricole Miriam Carrión Ramírez, compagna di liceo di  Adolfo Rodríguez, «è stato lui che mi insegnato ad amare l’agricoltura e ha fatto sì che molti di noi che condividevamo l’aula con lui ci decidessimo a studiare agronomia. La sua semplicità, il suo carisma, l’intelligenza e la passione per la coltivazione della terra fecero sì che tuti lo seguimmo».
Queste qualità gli hanno fatto meritare decorazioni, medaglie e premi, tra le quali quella di Eroe Nazionale del Lavoro, gli Ordini Carlos J. Finlay e Lázaro Peña, la medaglia Servizio Distinto delle Forze Armate Rivoluzionarie e il titolo di Dottor Honoris Causa in Scienze Agricole, concesso dall’Università Centrale Marta Abreu di Las Villas, e fu il primo cubano che ricevette questa decorazione nel paese.
Adolfito, come lo chiamavano molti, divenne il direttore dell’Istituto di Investigazioni Fondamentali dell’Agricoltura Tropicale  (Inifat) per indicazione del Comandante in Capo nel 1991 ed ha  continuato ad occupare questo posto di lavo sino alla morte.
«Ringraziamo il Dottor Adolfo Ramírez, i suoi studi e i suoi insegnamenti sullo sviluppo della produzione di alimenti in ogni territorio, secondo le sue caratteristiche agro climatiche», ha detto Nelson Companioni Concepción, segretario del Programma Nazionale di Agricoltura Urbana, Suburbana e Familiare.
«Oggi abbiamo perso Adolfito ma continueremo l’enorme legato che ci lascia», ha considerato ancora. ( Traduzione GM - Granma Int.)