ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA
Fiori offerti dal Generale d’Esercito Raúl Castro, dai Consigli di Stato e dei Ministri e dal popolo di Cuba hanno onorato la memoria dei martiri del 26 di Luglio. Photo: Eduardo Palomares

SANTIAGO DE CUBA.– Le mura dell’allora caserma Moncada si sono illuminate di nuovo all’alba del 26 di luglio, quando nel 64º anniversario dell’eroico assalto realizzato dai giovani della Generazione  del Centenario dell’Apostolo, 160 pionieri hanno rappresentato quella gloriosa azione ispirati al legato di Fidel.
Di fronte a centinaia di santiagheri che sono giunti dalle diverse aree del carnevale o hanno aspettato l’alba per l’occasione, come in quel giorno, proprio alle 5 e 15 minuti, i piccoli hanno assaltato la storica garitta 3, ora portando  matite e gridando frasi d’amore per l’eterno Comandante in Capo e di sostegno a Raúl.
Dando validità alla frase espressa da Fidel nel processo per quei fatti:  « I miei compagni non sono nè dimenticati né morti », è stato pronunciato in coro e con fermezza  «presente!», alla lettura dei nomi degli assaltanti della Moncada, che offersero le proprie vite, vittime in maggioranza della selvaggia repressione scatenata dalla tirannia, perchè solo sei erano morti nella coraggiosa azione.
Una gala artistica, offerta da giovani talenti di Santiago di Cuba, ha evocato con poesie, danza e canzoni  le idee per le quali quei giovani intrepresero in condizioni totalmente svantaggiose l’inizio dell’ultima tappa della lotta per la
definitiva indipendenza della Patria.
L’omaggio è poi proseguito nl cimitero  Santa Ifigenia, dove sono state poste corone di fiori davanti al Pantheon dei Martiri del 26 di Luglio a nome del Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Generale d’ Esercito Raúl Castro Ruz, dei  Consigli di Stato e dei Ministri e del popolo di Cuba.
Guidati dai membri del Comitato Centrale del Partito, Lázaro Expósito Canto e Beatriz Johnson Urrutia, primo segretario e presidente dell’organo di governo, rispettivamente nella provincia, i presenti hanno dedicato fiori anche all’autore intellettuale della Moncada, José Martí, nel suo mausoleo, e al leader della Rivoluzione, Fidel Castro Ruz, davanti alla pietra monumento che custodisce le sue ceneri.
Nel Giorno della Ribellione Nazionale, le massime autorità del territorio hanno consegnato un diploma speciale al  Museo Storico 26 di Luglio, nel 50º anniversario della sua apertura in una sala della stessa fortezza della Moncada vicino alla garitta 3, che è servito per l’incontro con la storia patria, così ricca, a più di tre milioni di cubani e stranieri.
L’occasione è stata propria per inaugurare l’esposizione fotografica “La Moncada, un fatto universale”, che raccoglie le visite realizzate da presidenti di nazioni amiche, accompagnati quasi sempre da Fidel o da Raúl che, come guide eccezionali, hanno arricchito gli elementi d’interesse  del museo. (Traduzione GM – Granma Int.)