ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

Se nel 2014 la prima fiera dedicata alla conferma del piano dell’economia per l’anno entrante aveva coinvolto solo 35  entità nazionali, nella quarta edizione di questi incontri sono state presenti 338 imprese e gruppi di imprese del settore statale, 12 cooperative non agricole, 22 imprese miste, cinque lavoratori autonomi e altre istituzioni.

Questi dati riferiscono l’importanza che acquisiscono questi scambi, è stato detto durante la chiusura della IV Fiera degli Affari per il Piano dell’Economia 2018, nello spazio fieristico di Expocuba, a L’Avana.

L’incontro iniziato il 10 maggio, è servito come spazio di scambio commerciale e degli affari per le circa 400 entità che hanno partecipato e seguito conferenze, seminari, presentazioni di nuove produzioni e servizi.

In accordo con i partecipanti, queste fiere permettono di definire opportunità, identificare le potenzialità delle imprese statali miste e di altre forme di gestione, offrire servizi nello scenario nazionale, che garantiscano i processi di produzione dell’anno prossimo.

«I nostri propositi si compiono grazie al programma di conferenze, seminari e scambi d’esperienze condotti da esperti in discipline differenti, offerto durante l’incontro», ha assicurato René Hernández, viceministro d’ Economia e Pianificazione, nel suo discorso di chiusura.

Hanno partecipato Leonardo Andollo Valdés, secondo capo della  Commissione per l’Implementazione e lo sviluppo delle Linee; Onelio Sosa Almanza, coordinatore del Dipartimento Economico del Comitato Centrale; René Hernández Castellanos, viceministro d’Economia e Pianificazione; Eloy Álvarez Martínez, viceministro dell’Industria di Cuba e Pedro Abreu Mujica, direttore di Expocuba. (Traduzione GM – Granma Int.)