ORGANO UFFICIALE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO COMUNISTA DI CUBA

“La cittadinanza  degli studenti è quella che custodisce il sacro fuoco della speranza dei popoli, e la guardano con la loro inviolabile capacità di sognare”.
Eduardo Galeano scrisse queste parole agli studenti di Puerto Rico che si scontravano con il governo coloniale nel 2010, in una delle tante rivolte che hanno avuto le aule come protagoniste contro gli abusi di potere.
Si potevano dire allora, prima o dopo.
Riassumono la forza dei giovani, martiri molte volte dei loro ideali e per i quali c’è un giorno, il 17 novembre, nei quali li si ricorda in modo speciale.
Il Giorno Internazionale dello Studente non è stato scelto a caso.
È stato il punto di partenza per fare un alt ogni anno e ricordare con una data, marcata dal crimine fascista, che loro sono quella speranza di cui parla Galeano.
La storia dietro il 17 novembre è cominciata in Cecoslovacchia,  poco dopo lo scoppio delle Seconda Guerra Mondiale.
Il 28 ottobre del 1939 centinaia di studenti cechi riempirono le strade di Praga, la capitale, per resistere all’occupazione nazista e ricevettero le scariche dei fucili fascisti.
La morte di Jan Opletal, studente della Facoltà di Medicina a Praga accese le proteste nelle università della città e la risposta dei nazisti fu brutale. Nella notte del 16 novembre chiusero tutte le residenze d’educazione superiore e inviarono più di 1200 studenti nel campo di concentramento di Sachsenhausen-Oraníeburg.
La data divenne un simbolo della resistenza degli studenti del pianeta contro i crimini di ogni indole e come proclama della libertà e della pace.
A 77 anni questa giornata motiva molti giovani del mondo che, come i portoricani, occupano le strade per mantenere vivi i reclamai a favore dei loro diritti.
 In Cuba, come ogni anno, in questa data gli studenti dimostreranno la loro solidarietà con i fratelli di tutto il mondo e ricorderanno quanti sono i diritti  che i cubani godono.
Le università si apriranno alle comunità prossime, presenteranno i loro artisti dilettanti e attiveranno i loro campionati sportivi.
La provincia di Santiago di Cuba sarà la sede centrale della commemorazione di quest’anno, ma in tutti i centri studenteschi si farà una festa per ricordare gli studenti  come voleva Galeano, con la loro inviolabile capacità di sognare. ( Traduzione GM – Granma Int.)